Salta al contenuto principale

Pronto il Piano Sociale di Comunità

per il triennio 2018-2020

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 27 secondi
Puntare su progetti occupazionali sostenibili e autofinanziabili e sul nuovo «Distretto dell’economia solidale» (Des). Queste le linee guida del «Piano sociale di Comunità 2018-20 - ambito del lavoro» che sarà presentato e approvato martedì prossimo dal consiglio delle Comunità Alta Valsugana e Bersntol su proposta dell’assessore alla politiche sociali Alberto Frisanco (foto)
Se nel marzo del 2012 la Comunità Alta Valsugana e Bersntol approvava il primo «Piano Sociale di Comunità», documento guida delle politiche sociali per il territorio e delle azioni della Comunità di Valle per la popolazione, ora dopo una serie di proroghe si giunge alla approvazione del primo stralcio dedicato alle emergenze e necessità in campo lavorativo ed occupazionale (seguirà una seconda parte dicata a salute, educare e fare comunità). «Negli ultimi mesi è stata svolta un’attenta analisi e ricognizione sulla situazione sociale ed occupazionale che si sta vivendo in Alta Valsugana e Valle dei Mòcheni - spiega l’assessore Alberto Frisanco ricordando l’impegno dello staff interno guidato dalla dirigente Francesca Carneri - né uscito un quadro molto complesso e dettagliato che sarà illustrato in Consiglio di Comunità. La dove c’è meno lavoro ci sono anche meno risorse per la salute e la prevenzione (cure dentarie, screening o corretti stili di vita) e ne risente la stessa dimensione famigliare (nell’ambito sono in aumento famiglie unipersonali e divorzi, mentre calano le nascite)». Da alcuni anni la Comunità di Valle è in prima linea per garantire un sostegno all’occupazione ed ai lavoratori socialmente deboli (oltre 80 i posti di lavori stagionali assicurati sino al 2017, pur ridotti nell’ultimo anno). «Le risorse a disposizione delle Comunità di Valle sono in calo, vanno individuate nuove sinergie con il privato sociale e gli imprenditori del territorio anche grazie al nuovo »Distretto dell’economia solidale« (già sperimentato in Vigolana con il progetto »Ortolando«) - conferma Frisanco - il nostro ente per il 2019 ha già fatto i primi passi per riattivare i progetti e lavori socialmente utili (Intervento 19 e 2.0). Vanno però trovare altre formule e sinergie puntando sull’autosostentamento di nuovi progetti e passando dai lavori stagionali (interventi eccezionali) a forme di inserimento lavorative reali e più durature nel tempo. Il recente maltempo ha evidenziato la necessità di nuovi e massicci interventi per il recupero ambientale e paesaggistico, progetti già sperimentati in passato dalla Comunità di Valle coinvolgendo le locali cooperative sociali, speriamo ora che possano venir rifinanziati dalla giunta provinciale indicando tempi, modalità e soggetti coinvolti». Ad inizio settimana l’assessore Frisanco, coordinatore del Distretto Famiglia Alta Valsugana e Bersntol (rete nata nel 2015 tra oltre 40 enti e soggetti), ha consegnato gli attestati di adesione a 12 nuovi aderenti ricordando la valenza delle certificazioni Family in Trentino e dello standard Family Audit. «C’è nuova attenzione e sensibilità da parte di aziende e soggetti privati (B&B, aziende e cooperative) - conclude Alberto Frisanco - una rete sempre più solidale e attenta a famiglia, educazione e salute, dove pubblico e privato possono trovare nuove sinergie».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy