Salta al contenuto principale

Pergine, domani la Festa dei volontari

autentico tesoro delle case di riposo

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 9 secondi
Risorsa importante per la comunità, ed elemento prezioso per il funzionamento, l’accoglienza e l’animazione delle due strutture protette (Rsa) gestite a Pergine dall’Apsp «Santo Spirito - Fondazione Montel». 
Sono ben 131 i volontari attivi nelle due strutture residenziali di via Pive e via Marconi, in rappresentanza di 18 associazioni locali, che domani giovedì (inizio alle ore 18 con la messa) daranno vita alla tradizionale «Festa del Volontariato»: momento d’incontro e riflessione sul loro ruolo e servizio svolto con tanti ospiti anziani di Pergine e dell’intera Valsugana (ben 223 utenti con un età media di 82 anni). «Il numero dei volontari attivi nelle strutture è in continua crescita (erano 117 nel 2006), ed è in aumento il numero delle ore garantite in un anno: ben 18.631 nel 2017 (pari a 51 ore/girono) - spiega Gianni Bertoldi direttore dell’Apsp Santo Spirito Fondazione Montel - volontari che hanno un età media di 62 anni e che in gran parte sono donne (92). Durante il periodo estivo oltre una decina di giovani tra i 19 e 21 anni sceglie di mettere a disposizione parte delle vacanze per supportare il personale nella cura ed assistenza degli ospiti, dando vita a qualche laboratorio».  «Chi si avvicina alla nostra struttura lo fa con grande passione ed entusiasmo e spesso si affeziona ai nostri utenti (una volontaria è attiva sin dal 1973 ed una ha più di 90 anni) - conferma il direttore Bertoldi - abbiamo provato a dare un valore nominale a tale servizio (10 euro pari al costo orario fissato dai voucher), ed abbiamo riscontrato come i volontari assicurino ogni anno  186 mila euro alla nostra Apsp». Strutture residenziali di Pergine che si stanno rinnovando per rispondere alle nuove esigenze e patologie del mondo anziano. «Entro i primi mesi del 2019 sarà attivo il nuovo «Nucleo Alzheimer Sorgente», collocato nella nuova palazzina accanto della Rsa di via Pive dove si stanno completando gli arredi - conclude Gianni Bertoldi - garantirà 12 posti letto e due appartamenti protetti (un monolocale e un bilocale) gestiti in sinergia con la Comunità Alta Valsugana Bersntol. Recentemente la nostra Apsp ha ottenuto il riconoscimento ed attestato di qualità nazionale «Marchio Dementia Friendly», che certifica l’assenza di qualsiasi tipo di contenzione, standard assistenziali di alto livello, sicurezza e libertà per gli ospiti, accanto ad umanizzazione nell’assistenza e rispetto di dignità e tempi degli ospiti. Il nucleo, collocato ora al terzo piano della Rsa via Marconi, accoglie già 12 ospiti (in stanze singole e doppie) seguiti 24 ore su 24 da un operatore ogni 1,5 ospiti, con la presenza costante dell’infermiere, la supervisione di un educatore professionale e di una psicologa che gestisce anche i servizi Sportello e Caffè Alzheimer».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy