Salta al contenuto principale

Panarotta, lavori all'impianto al via

Tre mesi per la seggiovia per Cima Esi 

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 39 secondi

La Panarotta «cambia pelle», si trasforma, grazie al processo atteso ed invocato da anni: sono partiti ufficialmente ieri i lavori sulla montagna che, entro l'inizio della stagione invernale di dicembre, apporteranno nuove e sostanziali novità a tutto il comprensorio sciistico.
Come già annunciato durante l'incontro con l'assessore provinciale Michele Dallapiccola il 20 agosto scorso, il nuovo impianto funiviario dalla Malga Montagna Granda a Cima Esi dovrà essere operativo per l'apertura delle piste: i pezzi sono già stati tutti sistemati nel grande piazzale principale della Panarotta, e la ditta Betta Montaggi di Castello di Fiemme potrà iniziare ora a predisporre il tracciato del nuovo impianto di risalita ed avrà tempo 90 giorni per concludere i lavori.
L'impianto è stato costruito dalla ditta Doppelmayr per la società Klausberg Seilbahn ag di Bolzano (seggiovia Huhnerspiel a Cadipietra in Valle Aurina), ed è quindi un «usato ricondizionato»: va a sostituire la vecchia seggiovia biposto, risalente al 1972, smantellata durante l'estate per fine vita tecnica. L'investimento di Trentino Sviluppo per quest'opera, che dal 2016 è proprietaria degli impianti funiviari del comprensorio sciistico, è di 1,5 milioni di euro.
La nuova seggiovia triposto (13 i piloni che verranno installati su un dislivello di 255 metri e una lunghezza totale di 976 metri) garantirà una maggior portata oraria di persone (1.400 contro le 900 del vecchio impianto). Inoltre, grazie a motori più performanti ci sarà un minor consumo di energia.
Insieme ai lavori che riguardano il nuovo impianto, a breve verranno approntate anche le prime operazioni per la realizzazione dello skiweg di collegamento fra le piste Rigolor e Storta: l'impresa Morelli di Pergine nel tracciato individuato (che andrà disboscato) sistemerà il fondo boschivo, movimenterà il terreno al fine di rendere percorribile il tracciato e solamente in alcuni punti si renderanno necessarie delle opere di contenimento. La lunghezza è di 870 metri, con un dislivello di 110 metri: partirà nella parte inferiore della pista Storta, incrocerà una strada forestale, e dopo due tornanti a gomito sbucherà a conclusione della pista Rigolor, alla partenza dell'impianto di risalita a servizio di quella pista. Il budget messo a disposizione da Trentino Sviluppo per quest'opera ammonta a 200.000 euro, 60 i giorni per concludere i lavori.
In questo modo, il collegamento fra Malga Montagna Granda e la Valle dei Mocheni (la strada che passa per la Tingherla e porta a Kamauz, che in parte dovrebbe venire sistemata con lavori di asfaltatura) rimarrà percorribile anche durante la stagione invernale, ottimizzando ancor di più l'offerta turistica.
«Ma non ci fermiamo qui -commenta il presidente della società Panarotta srl Matteo Anderle- in quanto con l'occasione anche tutti gli altri impianti saranno sottoposti ad una revisione completa, compresi quelli elettrici, di innevamento, l'officina ed il parco mezzi per la manutenzione e battitura delle piste». Anderle conferma poi il nuovo clima di entusiasmo che sia nella società che nell'ambiente si respira: «Noi ci crediamo, fiduciosi e ottimisti, sicuri che per la prossima stagione invernale la Panarotta avrà tutte le carte in regola per ritornare ad essere punto di riferimento per le famiglie dell'Alta Valsugana e non solo, perché anche se siamo piccoli non necessariamente dobbiamo sentirci inferiori. Con il sostegno degli enti pubblici, Provincia, Comuni ed enti locali, ed il supporto dei nostri soci e sponsor, siamo fiduciosi di poter offrire una stagione di ripartenza per tutta la Panarotta».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy