Salta al contenuto principale

Pejo, quando la Miss

ha quattro zampe

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 11 secondi

Una parata di 180 iscritte, 152 le “reginette” in gara, 19 le aziende rappresentate ma alla fine una sola sarà la vincitrice.
Ha tutti i crismi di un concorso di bellezza. E infatti lo è. Con tutto il contorno di spazzole, pettini, lustrini e paillettes. Ma le protagoniste pesano svariati quintali e hanno quattro zampe. L’obiettivo è farsi eleggere “Miss Val di Pejo a 4 zampe”.
L’appuntamento, per gli abitanti della Val di Pejo e la Val di Sole, non è certo una novità: le fiere del bestiame sono una tradizione che si perde nell’alba dei tempi. Un momento pluricentenario nel quale gli animali che scendono dai pascoli estivi in alta quota, tornano a valle, vengono festeggiati dalla popolazione locale e poi vengono esposti nei mercati contadini, in cerca di acquirenti.
A Cogolo di Peio sabato prossimo a partire dalle 10, quella tradizione rivivrà nella «Fera de Cogol», inserita nella Settimana dell’Agricoltura 2019. Gli animali partecipanti (vitelle, manzette e giovenche di razza Bruna, comprese tra i 10 e i 36 mesi di età), vengono divisi in categorie omogenee per età. Meticolosa è la preparazione effettuata dai proprietari, prima di esporli alla valutazione di un giudice inviato dalla Associazione Nazionale di razza, come richiesto dalla Federazione Provinciale Allevatori: pulizia per rendere luminoso il manto dopo i mesi estivi passati all’aperto, tosatura, pettinatura, acconciatura con lacca e brillantini.
Le candidate vengono poi fatte girare in un ring per facilitare la valutazione e, al termine della gara, a fine serata il giudice proclamerà la vincitrice che otterrà il titolo di Miss Val di Pejo, la sua “riserva” e una terza assoluta a cui verrà conferito il titolo di menzione d’onore della rassegna.
«Appuntamenti come questo – spiega Massimo Gentili, direttore della federazione Allevatori di Trento - possono sembrare eventi di puro folclore, ma in realtà sono momenti essenziali di confronto per valutare le caratteristiche delle specie bovine. Scegliendo gli animali migliori si assicura che i discendenti saranno più forti, più adatti all’ambiente nel quale dovranno vivere, più resistenti alle patologie.
È una cosa che gli allevatori sanno da secoli e oggi, nonostante i grandi progressi scientifici, la situazione non è poi cambiata molto. Le nostre fiere però sono diventate delle ottime occasioni, anche per turisti e amanti della montagna, per scoprire i segreti della vita montana e per comprendere l’importanza delle attività agricole per garantire un futuro sostenibile a queste valli».
La Settimana dell’Agricoltura, in pieno svolgimento con tante iniziative, è organizzata dal Comune di Peio in collaborazione con il Consorzio Turistico Pejo 3000, l’Azienda per il Turismo della Val di Sole, Peio e Rabbi, l’Associazione Allevatori Val di Pejo e l’Ecomuseo Piccolo Mondo Alpino.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy