Salta al contenuto principale

Ladri in valle: «Abbiamo paura»

Gruppo Whatsapp per difendersi

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 25 secondi

Una banda di ladri ha preso di mira in questa settimane la valle di Non seminando paura e rabbia tra la popolazione. Decine i furti denunciati, tutti in abitazione. Tra le zone più colpite quelle del Comune di Predaia, con i paesi di Segno, Mollaro e Taio. La tensione è tale che a Taio gli abitanti hanno creato un gruppo whatsapp al quale hanno aderito 150 persone dove viene segnalato qualsiasi movimento sospetto, di giorno o di notte, in modo da poter prevenire nuove intrusioni. «L’ultimo raid risale a tre notti fa - spiega una residente - e sono entrati in tre abitazioni. Hanno anche rubato una vettura utilizzata probabilmente per caricare la merce rubata».

Sembra che la banda sia particolarmente scaltra. I furti sono stati registrati sia di giorno che di notte. In case con allarme e senza. «Da me - racconta la donna - sono entrati la sera, verso le 21 e 30. Hanno forzato l’imposta della porta finestra, sono entrati ed è scattato l’allarme. Non si sono persi d’animo. Hanno girato per casa prelevando i soldi e i gioielli che hanno trovato e poi in un minuto erano già fuori. Li hanno visti scavalcare e scappare». A distanza di giorni, però, la donna è ancora provata: «Non dormiamo più, abbiamo paura, sia io e mio marito che nostra figlia. Il problema è qui in zona ci sono tante case isolate e campi dove è facile nascondersi e scappare».
Nei giorni scorsi, a Taio, sono entrati nelle abitazioni anche mentre le persone dormivano all’interno ed stata utilizzata la mola a disco per prelevare cassaforti murate. «Cercano ori e soldi - racconta la donna e purtroppo ci sentiamo sotto assedio. Non passa giorno che in qualcuno non venga derubato, qui a Predaia ma anche a Cles, Coredo e altri paesi della valle di Non».

Sembra che in nessun caso i ladri abbiano usato violenza, ma è evidente che quando la tensione è così alta e i furti così numerosi il pericolo è elevato. Il gruppo whatsapp può sicuramente essere un ottimo aiuto soprattutto per poi comunicare in tempo reale ai carabinieri eventuali avvistamenti o personaggio sospetti. Le pattuglie dei carabinieri sul territorio ci sono ma solitamente queste bande vengono incastrate dalle indagini grazie agli elementi raccolti più che colte in flagranza di reato.

È poi evidente che da quando è noto che in valle imperversa una banda come quella che sta colpendo in questi giorni anche i residenti non possono mai abbassare la guardia. Dunque porte blindate rigorosamente chiuse, grate sulle finestre, antifurti installati. Niente finestra aperte anche se il caldo si fa ancora sentire e nessuno indicazioni sui social quando si parte per le vacanze. Evidente che, sapendo che in casa non c’è nessuno, soprattutto quando le abitazioni sono isolate, i ladri sanno di poter agire di notte e indisturbati perché i proprietari avranno la brutta sorpresa della visita solo al rientro e quindi solo a quel punto scatterà l’allarme.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy