Salta al contenuto principale

Sanzeno, domani si presenta

il libro su San Romedfio

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 38 secondi

Sarà ufficialmente presentato domani alle 20.30 a Sanzeno, a Casa de’ Gentili, «A cavallo dell’orso. Il racconto di San Romedio», una pubblicazione rivolta ai più piccoli dedicata al santo eremita nonché all’omonimo santuario, curata da Silvia Spada con le deliziose illustrazioni di Anna Pintarelli e la grafica di Lucia Barison.

Un libro, come specifica la direttrice dell’Apt Val di Non, Giulia dalla Palma, realizzato con il sostegno di numerosi enti quali l’azienda per il turismo, le amministrazioni comunali di Sanzeno e Predaia, la Comunità di Valle, il Consorzio Bim dell’Adige, il Centro Culturale d’Anaunia e l’associazione «G.B. Lampi».

L’idea è nata alle autrici circa un anno e mezzo fa, prendendo spunto da un loro precedente lavoro, «Alla scoperta dell’Alto Adige», un testo sempre rivolto all’infanzia che ha riscosso un notevole apprezzamento. Il libro è dedicato al compianto Giuseppe Negri, presidente del consorzio Bim venuto improvvisamente a mancare quasi un anno fa, al quale era particolarmente piaciuto tale progetto. Il testo è stato rivisto da Salvatore Ferrari - storico dell’arte e funzionario della Sovrintendenza ai Beni Culturali provinciale - e da padre Giorgio Silvestri, rettore del santuario e della Comunità Francescana di Sanzeno, che si complimenta con gli attori coinvolti per l’ottimo risultato raggiunto.

«È un lavoro che colma l’assenza di una pubblicazione su San Romedio specificamente per i più piccoli, con un notevole sforzo pedagogico nello spiegare parole quali “pellegrinaggio”, “eremita”, “ex - voto”, ragion per cui auspichiamo nella sua massima diffusione» afferma il sacerdote.
Soddisfatti anche i sindaci di Sanzeno e Predaia, Paolo Pellizzari e Paolo Forno, e il presidente dell’Apt Andrea Paternoster, i quali mettono in evidenza il carattere sovracomunale dello scritto, un esempio di lavoro in rete a sostegno della cultura.
«Scrivere questo libro è stato molto gratificante e nello stesso tempo complesso per la multiformità degli approcci - chiarisce Silvia Spada, storica dell’arte con lunga esperienza professionale in ambito museale -. E’ un testo per bambini ma è molto rigoroso dal punto di vista storico ed artistico. Mi ha sempre colpito la capacità di fare comunità intorno al santuario ed è stato uno stimolo per intraprendere tale progetto».

Il racconto è suddiviso in tre sezioni, la prima riguardante la storia di San Romedio - legata alla tradizione dei santi che domano grandi predatori, tipica delle culture alpine nonché simbolo della vittoria del cristianesimo sui culti pagani e dell’eremitismo come recupero del rapporto tra religione e natura - , la visita al santuario dal punto di vista dei bambini, la loro comprensione e le emozioni correlate e la parte finale incentrata sull’orso e l’attualità delle vicende legate al plantigrado, il tutto con un linguaggio adeguato, piacevole e che non dà nulla per scontato, con puntuali chiarimenti dei termini.

Nel corso della serata di presentazione, moderata da Walter Iori, interverranno, oltre alle autrici, la responsabile della grafica Lucia Barison e lo storico dell’arte Salvatore Ferrari con una breve relazione sull’iconografia del santo eremita nell’arte trentina.
Il libro è stato stampato in circa 1.500 copie e sarà a breve disponibile nei negozi al costo di 10 euro; esso sarà acquistabile anche domani al prezzo ridotto di 8 euro.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy