Salta al contenuto principale

Il Pedibus arriva sul web

con notizie per i genitori

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 40 secondi
Il Pedibus, il servizio di accompagnamento in sicurezza per gli alunni delle scuole della borgata viene ulteriormente migliorato con la pubblicazione sul sito del Comune (www.comune.cles.tn.it) di una specifica area dedicata, nella quale sono reperibili dettagliate informazioni sul suo funzionamento, utili per i genitori e per i volontari aderenti all’iniziativa. 
La piattaforma, ora disponibile online, è stata creata grazie a un progetto di collaborazione tra l’amministrazione comunale, il Consorzio dei Comuni Trentini, lo Studio Vispa con il coinvolgimento dell’istituto comprensivo «Bernardo Clesio», l’Itet Pilati, il Centro di Formazione Professionale Upt, della Pro Loco e del Consorzio Cles Iniziative. 
Il sindaco Ruggero Mucchi e l’assessora esterna alle politiche sociali Cristina Marchesotti evidenziano i molteplici aspetti positivi dell’iniziativa, nata per rendere i cittadini più attivi in rapporto con l’amministrazione sul modello del welfare generativo. Essa prende inoltre spunto dalle indicazioni emerse dal Masterplan sulla necessità di una drastica riduzione del traffico veicolare davanti alla scuola primaria in concomitanza con l’inizio e il termine delle lezioni, che porterà alla chiusura di Via delle Scuole: a questo proposito il Pedibus viene incontro alle famiglie con un servizio efficace per coloro che non potranno più sostare davanti alla scuola. 
All’inizio dell’anno scolastico l’iniziativa era partita un po’ in sordina data la scarsa adesione di volontari, per poi decollare nel periodo successivo: al momento partecipano 35 volontari per 57 bambini iscritti su 4 linee attivate (rossa, blu, verde e gialla) e 14 punti di fermata, per un totale di 448 accompagnamenti sui percorsi individuati. Una progettualità in cui il Comune crede molto e rappresenta un investimento educativo alla cittadinanza attiva e non solo per gli anni futuri, come sottolinea il primo cittadino. 
La pagina web del servizio, semplice e intuitiva, contiene materiale informativo per il coordinamento dei volontari - referenti e spazio per la registrazione di assenze ed eventuali sostituzioni - e per i genitori, che possono trovare delucidazioni sui tragitti e gli orari nonché conoscere da vicino gli accompagnatori, ciascuno identificato con una breve descrizione e una fotografia. Per incentivare l’adesione al progetto l’amministrazione ha predisposto l’erogazione di alcuni benefit per i volontari, riconoscimenti sotto forma di ingressi al cinema teatro, alla piscina comunale di Malé, contributi e riduzioni di prezzo per corsi di lingue straniere e attività estive e buoni sconto da utilizzare nei negozi associati al Consorzio Cles Iniziative. 
«La creazione della piattaforma in futuro potrebbe essere estesa a ulteriori iniziative di welfare generativo - commentano Michela Bertagnolli di Studio Vispa e Walter Merler, responsabile dell’Area Innovazione del Consorzio Comuni Trentini -. Il Pedibus rappresenta un esempio di “open governement” un nuovo modo di gestire l’amministrazione e il rapporto con la popolazione». 
Del gruppo di volontari fa parte anche il consigliere Mario Meggio. «E’ importante che la cittadinanza comprenda il valore del fare comunità e la necessità di mettersi a disposizione degli altri» rileva il consigliere. 
«La borgata si migliora non solo con le grandi opere pubbliche, ma anche con piccoli gesti, iniziative significative e un cambio di abitudini. Abbiamo sempre bisogno di volontari, faccio dunque appello ai censiti di aggregarsi» conclude il sindaco. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?