Salta al contenuto principale

Interventi per 600 mila euro al via

per la valorizzazione delle Plaze di S.Giustina

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 40 secondi
Inizieranno a breve, a cura del Servizio provinciale per il sostegno occupazionale e la valorizzazione ambientale, i lavori in località Plaze, nel comune di Predaia.
I lavori consistono nella realizzazione di parcheggi inseriti nel verde e di percorsi, lungo il lago di Santa Giustina, che dai parcheggi conducono alla località Plaze, dove è prevista anche la realizzazione di un grande prato alberato con area a spiaggia. Altri due interventi sono in programma: il primo consiste nella realizzazione dei sottoservizi necessari come l’acquedotto, la fognatura e l’allacciamento alla rete elettrica; il secondo nella realizzazione di un edificio bar e servizi. I vari lavori verranno eseguiti per lotti successivi; a breve, come detto, si inizierà con gli interventi del primo lotto.
AI Servizio provinciale per il sostegno occupazionale e la valorizzazione ambientale si prevede che i lavori possano avere inizio nel prossimo mese di ottobre e che vadano avanti per tutto il prossimo anno. Il costo totale complessivo è di circa 600.000 euro
«È un intervento concordato con il Servizio provinciale - ricorda il sindaco di Predaia Paolo Forno - con una filosofia di rispetto dell’ambiente e che, una volta ultimato, darà una nuova immagine all’area delle Plaze. L’intervento - prosegue - sarà anche un input per eventuali investori privati che, sempre sotto la regia del Comune, potranno proporre le loro idee di sviluppo, come ad esempio la realizzazione di un biolago, che permetterebbe la balneazione». 
Il riferimento è al Fondo strategico territoriale per la Val di Non, da 7 milioni di euro (che si spera di poter integrare con ulteriori risorse) di cui il consiglio della Comunità della Valle di Non parlerà domani pomeriggio a malga Bodrina (Ton): all’ordine del giorno c’è l’approvazione dell’Accordo di programma, sul quale c’è il parere positivo dei sindaci e che arriverà poi all’esame dei consigli comunali. «I dieci interventi previsti - spiega il presidente della Comunità Silvano Dominici - sono, oltre alla valorizzazione del lago di S. Giustina, la ciclabile Cles-Mostizzolo, la ciclabile Plaze-Alta Val di Non, il collegamento ciclopedonale “Castel-Fondo” e ponte tibetano, l’acquaticità per famiglie a Revò, le ippovie soprattutto fra le malghe e gli itinerari culturali, percorsi definiti che mettano in rete i luoghi della cultura e del paesaggio, infine gli interventi di efficienza energetica e di mobilità sostenibile».
Fra i dieci interventi finanziabili con il Fondo strategico territoriale c’è appunto l’ulteriore valorizzazione dell’area delle Plaze che ha come obiettivi la riqualificazione a fini ludico-ricreativi del bacino di S. Giustina (target famiglie, giovani), la creazione di un’area di raccordo tra i percorsi ciclabili e ciclopedonali di valle, il recupero ambientale di un’area in stato di abbandono, lo sviluppo di accordi di parternariato tra ente pubblico e soggetti privati da realizzare - come si legge nel documento «Valdinon idearepianificareandareoltre 2020» - mediante forme di partenariato con soggetti privati e/o con altri soggetti in grado di collaborare alla gestione dell’area». Tra gli interventi indicati vi sono il collegamento ciclo-pedonale con la vicina area della diga di S. Giustina (interessata dal progetto dello Sky walk e centro informazioni), il bio-lago, lo sviluppo di una micro-ricettività di alta qualità (bungalow / casette sugli alberi), strutture di ristorazione, ecc.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy