Salta al contenuto principale

"Alta Val di Non", il nome

controverso in Regione

Il sindaco di Ruffrè Mendola chiede un ripensamento

Tempo di lettura: 
2 minuti 14 secondi
Il consiglio comunale di Fondo marcia compatto a difesa del referendum per la nascita del Comune di «Alta val di Non»? Le truppe avversarie scendono nientemeno che a Bolzano, capeggiate dallo stratega Donato Seppi, sindaco di Ruffré Mendola ed ex consigliere regionale. A Bolzano lui sa dove andare, e ieri è andato dritto alla conferenza dei capigruppo, portandosi dietro i sindaci di Ronzone, Cavareno e Romeno, e la sua giunta comunale. Ricevuti con grande calore dal presidente Thomas Widmann hanno esposto il loro problema, alla presenza anche del governatore trentino Ugo Rossi.
 
«Abbiamo spiegato loro la situazione, che è intollerabile. E loro hanno riconosciuto la nostra posizione, assicurandoci che verranno attivate tutte le azioni possibili per risolvere questo nodo» spiega Seppi. «È risultato molto chiaro a tutti che se si lascia nascere il Comune “Alta Val di Non”, questo non può essere fatto da soli tre Comuni, lasciando fuori gli altri».
Ma a Bolzano, l’hanno capito? «A Bolzano sì, a Trento non so. Un consigliere di lingua tedesca infatti - spiega Seppi - mi ha detto: “Sarebbe come se i Comuni di Cortaccia, Magré e Cortina all’Adige si chiamassero Bassa Atesina. Non è possibile!”».
 
Quindi? «È chiaro - ha spiegato Seppi - che la Provincia Autonoma di Trento ha sbagliato a lasciar fare il referendum con quel nome. Un errore grande una casa! Non puoi prenderti il nome di un intero ambito, ci vuole giustizia per Fondo e per gli altri Comuni esclusi».
Visto che il referendum è stato fatto e non si può tornare indietro, qualcosa bisognerà inventarsi, ma Seppi e gli altri sindaci non sono disposti a mollare un centimetro: «Vorrei dire al consiglio comunale di Fondo, che si è sentito offeso da me, che se fossero obiettivi dovrebbero convenire che la Provincia ha sbagliato. Io non voglio la guerra, anzi... anche sui soldi alla Ciaspolada ne riparleremo, e daremo i contributi, non è un problema. Ma devono ricordarsi che il contenuto delle fogne di Ruffré passa da Fondo, e non viceversa, tanto per capire chi sta in “Alta Valle” e chi sta sotto. E bisogna anche stare attenti a cosa si dice, perché qui la gente si sente toccata su tasti di cultura, storia e tradizione. Come fai tu di Fondo a dire che Ruffré non è Alta valle? Ma stiamo scherzando?»
 
Seppi sa bene che la Regione non può fare nulla o quasi. Ma intanto ha raccolto appoggi e consensi: «Widmann e i capigruppo mi hanno assicurato che qualcosa di legislativo si troverà. Magari una nuova legge che annulli il referendum perché “il nome scelto è disdicevole”. Non lo so, quello che importa è che tutti hanno ammesso l’errore della Provincia». Anche Rossi? «Beh, diciamo che lui è stato più cauto».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy