Salta al contenuto principale

Malé, AstroSamantha  

incontra gli studenti

Lunedì 6 giugno all'Istituto comprensivo della Bassa Val di Sole

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
! minuto 45 secondi

Doveva essere una visita in gran segreto e invece la notizia dell’arrivo a Malé di Samantha Cristoforetti sta correndo di bocca in bocca. Nella mattinata di lunedì 6 giugno la prima donna italiana nello spazio, la beniamina originaria della Val di Sole, incontrerà gli oltre 400 studenti dell’Istituto comprensivo della bassa Val di Sole. E l’attesa, come ovvio, è alle stelle e non solo tra gli alunni. Da qualche giorno non si fa altro che parlarne.

La valle di Sole la sta aspettando dall’11 giugno dello scorso anno, quando è ritornata sulla Terra. Il programma della mattina è blindato ma Astrosamatha farà visita in un primo momento ai bambini delle elementari, che qualche tempo fa le hanno scritto una letterina, e poi sarà al cinema teatro comunale del capoluogo dove racconterà la sua esperienza nello spazio davanti ai ragazzi delle medie. Si tratta di un’occasione imperdibile ed emozionante per gli allievi che avranno così la possibilità di conoscere un po’ più da vicino l’astronauta italiana partita lo scorso anno per la missione spaziale ISS Expedition 42/43 Futura e di dare risposta a tante curiosità sulla vita a bordo della Stazione spaziale internazionale.

All’incontro, che si svolgerà rigorosamente a porte chiuse, sono stati invitati a partecipare, oltre che studenti e insegnanti, anche i rappresentanti delle amministrazioni della bassa valle e della Comunità della Valle di Sole. Il sindaco di Malé Bruno Paganini non fa trapelare nulla anche se si dice molto orgoglioso della visita di una concittadina così illustre. Non si sbottona nemmeno il dirigente dell’istituto comprensivo Franco Vanin, che pure parla di un’opportunità più unica che rara. Samantha Cristoforetti ritorna nel paese che l’ha vista crescere fino all’età di dieci anni per la prima volta in modo ufficiale dopo la sua avventura tra le stelle durata quasi 200 giorni. Un periodo che le hanno fatto conseguire il record europeo e il record femminile di permanenza nello spazio in un singolo volo. Nella Borgata, l’astronauta dell’Esa si fermerà solo qualche ora, giusto il tempo di incontrare le classi. Dopodiché partirà per Trieste dove l’attendono degli impegni di lavoro.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?