Salta al contenuto principale

Lavis con Farmacie Comunali

convenzione fino al 2040

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 11 secondi

Fino al 2040 la farmacia S.Udalrico di Lavis sarà gestita dalle Farmacie Comunali. Un rapporto iniziato nel 2003 e che proseguirà ora fino al 2040, dopo che il consiglio comunale ha dato disco verde a questa assegnazione. Un via libera arrivato 16 voti a favore, quelli della maggioranza, e con l’astensione delle minoranze. Che nel corso del dibattito in aula ha sollevato diversi interrogativi su questa assegnazione, che doveva essere rinnovata nel 2020 ma che è stata anticipata. Questo perché con la nuova convenzione stipulata l’amministrazione comunale percepirà un canone doppio rispetto al passato, dall’1% al 2% del fatturato annuo della farmacia comunale S.Udalrico. Il Comune acquisirà l’avviamento, le scorte e gli arredi forniti da Farmacie Comunali per una spesa complessiva di 326 mila euro, incassando poi questo 2% di percentuale annua più l’affitto dello spazio. «La farmacia - ha detto in aula l’assessore alle attività sociali, Isabella Caracristi - è un centro importante per la nostra comunità, anche per i servizi che offre alla popolazione. Poco tempo fa proprio con i farmacisti stavamo ragionando sull’organizzazione di un corso su come vanno correttamente utilizzati i farmaci. Proprio per cercare di dare sempre più servizi alla comunità». Le minoranze, in corso di dibattito, hanno sollevato diversi interrogativi proprio su aspetti tecnici quali la gestione delle scorte, ad esempio. Ma non solamente su punti tecnici. «Anticipando di parecchio, di due anni, i tempi della normale scadenza di questa convenzione - ha sottolineato in aula il consigliere Roberto Piffer di Lavis Civica - si toglierà alla prossima amministrazione la possibilità di decidere su questo tema, vincolandolo invece ora per vent’anni». La data del 2040 è stata scelta, ha spiegato in aula Lorenzo Arnoldi, direttore delle Farmacie Comunali Spa, per uniformare tutte le scadenze di ogni paese del Trentino che si appoggiano alla società. Nel corso dell’ultimo consiglio comunale, poi, esordio assoluto per Alessandro Ugolini. Il nuovo consigliere comunale del Movimento Cinque Stelle che prenderà il posto in questa seconda parte di legislatura di Sarah Pilati. La quale ha deciso, per motivazioni personali, di dimettersi dall’assemblea. Disco verde, poi, anche per il rinnovo della convenzione per la gestione associata del servizio di custodia forestale della Circoscrizione 16 che vede il Comune di Lavis insieme a quelli di Mezzolombardo, Faedo, Mezzocorona, San Michele all’Adige, Roverè della Luna e Zambana. «Un passaggio obbligato - ha detto in aula l’assessore Franco Castellan - visto che da questo gruppo si è tolto il Comune di Fai della Paganella». Nel 2019 l’adesione costerà all’amministrazione comunale lavisana una quota di 714 euro. Questo rinnovo è stato approvato con 13 voti favorevoli e l’astensione dei tre consiglieri della Lega.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy