Salta al contenuto principale

Al Museo di S.Michele scambio di semi

Domenica c'è "Chiamata a raccolto"

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 46 secondi
Il Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina domenica 4 novembre ospita «Chiamata a raccolto: 4° ritrovo di scambio semi», iniziativa organizzata dall’associazione «La Pimpinella», che si occupa di valorizzare la biodiversità agricola e che dal 2007 ha recuperato più di cento varietà orticole, un’ottantina di frutticole e può fare affidamento ogni anno su circa trenta custodi volontari in tutta la provincia. 
Dalle 13.30 alle 18 nella corte e nel chiostro del Museo prende vita lo scambio dei semi, al quale ognuno è invitato a portare le proprie sementi, scambiarle, donarle o accettarle in regalo. Sono in programma inoltre laboratori didattici e appuntamenti sul tema della biodiversità. 
Due le principali novità di questa edizione: la mattina, dalle 9 alle 12.30, nella Sala polifunzionale del Municipio di San Michele, l’incontro «Le radici del passato per coltivare il futuro» con il «filosofo ruralista» Massimo Angelini, e domenica pomeriggio, al Museo, il mercatino di prodotti biologici e biodiversi.
Giunta alla 4ª edizione, «Chiamata a raccolto» rappresenta nel Trentino uno spazio unico il cui obiettivo principale è quello di promuovere, diffondere e accrescere la biodiversità agricola locale. 
L’incontro di domenica mattina è un’occasione imperdibile per dialogare con Massimo Angelini, «filosofo della ruralità» e autore di numerosi saggi tra i quali «Minima Ruralia. Semi, piante e mondo contadino» (Pentagora Edizioni, 2013): un piccolo testo diventato un vero e proprio «vangelo» per coloro che hanno abbracciato un ritorno alla terra con l’intento di valorizzare la biodiversità agricola locale. Dopo un breve filmato su Salvatore Ceccarelli, genetista e ricercatore noto per aver promosso in Italia e in molti paesi del mondo la selezione genetica partecipativa,  chiude la mattinata l’imprenditrice Chiara Centofanti, che nell’azienda «100orti» di Vicenza coltiva più di 1.000 varietà tra ortaggi e frutta dimenticati, fiori e aromi, con importanti collezioni di ortaggi antichi, tra i quali 300 varietà di pomodori.
Nel pomeriggio di domenica, dalle 13.30 alle 18, al Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina, si tiene invece il ritrovo dello scambio dei semi: nella corte e nel chiostro i visitatori trovano un’ampia area con stand allestiti dalle diverse realtà trentine, quali agricoltori, cooperative sociali con attività agricola, orti comunitari, custodi dei semi, aziende agricole, orticoltori famigliari e semplici appassionati, che propongono scambio dei semi, raccolta di antiche varietà, custodia dei semi, esposizione di frutta antica. Gli stand ospitano anche associazioni che promuovono lo scambio di sementi antiche e locali nel nord-est dell’Italia. Novità di questa edizione è la presenza di un vero mercato contadino che accoglie aziende agricole trentine che coltivano e distribuiscono prodotti biologici e valorizzano la biodiversità trentina. In questo spazio i visitatori possono conoscere e acquistare prodotti agricoli locali.
Nel pomeriggio inoltre, i Servizi educativi del Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina propongono il laboratorio «Uno spauracchio per amico» dedicato ai visitatori più piccoli, e alle ore 15 la visita guidata gratuita al Museo. Al Museo, infine, si tengono due interessanti incontri: alle ore 14.30 la libreria Arcadia propone alcune letture commentate dai libri di Wendell Berry, contadino e intellettuale del Kentucky, autore di numerosi volumi in cui si delinea un nuovo paradigma agricolo e sociale, mentre alle 15.30 l’associazione La Pimpinella organizza il laboratorio di autoproduzione delle sementi, che consente ai partecipanti di imparare a riprodurre le proprie sementi dell’orto. L’ingresso al Museo e la partecipazione a tutti gli appuntamenti sono gratuiti.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy