Salta al contenuto principale

Anche Lavis chiederà alla Provincia

il servizio dei medici aggregati

L'assessora Caracristi: "Nel nostro Comune già c'è e funziona"

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 7 secondi

Sarà Mezzolombardo il riferimento più vicino per i cittadini di Lavis nel sistema delle «aggregazioni funzionali territoriali» disegnato dall’assessorato alla salute e dall’Apss per garantire la presenza fissa di un medico di medicina generale dalle 8 alle 20. La notizia è stata una doccia fredda per Lavis che nei fatti con il concentramento di tutti i medici in via Depero, già da un anno offre questo importante servizio. «Al riguardo ho chiesto un incontro all’assessore Zeni - ha riferito l’assessora alle attività sociali e istruzione del Comune di Lavis Isabella Caracristi -. Sarebbe un controsenso rinunciare ad un servizio che a Lavis già funziona, è molto apprezzato e serve un vasto bacino di utenza».

Restando nel perimetro delle sue competenze, Caracristi ha poi annunciato che Palazzo Maffei verrà sbarrierato con la realizzazione di un ascensore e, a brevissimo termine, con l’acquisto di un montascale cingolato utilizzabile - alla bisogna - in tutte le strutture comunali che presentano barriere architettoniche. Novità anche per l’assessorato alla cultura e alle politiche giovanili retto da Caterina Pasolli: è stata aperta la sala studio al 2° piano dell’edificio della biblioteca mentre sono al via i lavori a piano terra per ricavare l’Ufficio politiche giovanili che verrà aperto entro fine estate. Da settembre, infine, via alla programmazione di film in prima visione grazie all’acquisto del nuovo proiettore digitale

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy