Salta al contenuto principale

Sover, serata calda di confronto 

"Il paese sta morendo, svegliamoci"

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 56 secondi
Da anni non si trovavano così numerosi, i cittadini di Sover: giunti dal paese e dalle frazioni al teatrino di Montesover, l'altra sera, per un «confronto» autoconvocato con l’amministrazione comunale, richiesto a furor di popolo con 130 firme di censiti. Motivo? Darsi una mossa, perché «il paese si sta spopolando» e dalla giunta non c’è dialogo né lungimiranza. 
I «sovversivi» (presenti tre carabinieri per l’ordine pubblico) che hanno richiesto la serata sono in realtà brava gente, in gran parte giovani, che hanno a cuore il loro futuro: capeggiati da Massimo Battisti hanno buttato lì il loro malessere. «Nel 1921 il paese aveva 1566 abitanti, e adesso 830. E la cosa peggiore è che la metà ha più di 60 anni» hanno sciorinato paventando lo spopolamento. Ma anche la decadenza dei servizi e della socialità. Il tutto, secondo loro, condito dal fatalismo e dalla rassegnazione di chi è incapace di avere un disegno lungimirante di sviluppo.
Dalla parte opposta della sala la giunta con il sindaco Carlo Battisti che ha rigettato le accuse: «Il calo demografico? C’è in tutta Europa. Il futuro chi lo sa qual è, è pura filosofia...  Bisogna anche imbroccarla, e avere fortuna».
La sua, di fortuna, è avere tre giovani assessori dinamici. Daniele Bazzanella, il vice, ha saputo rispondere con proprietà e padronanza a tutte le domande anche ostiche. Francesco Falvo ci mette tutta la buona volontà e Daniela Santuari è senza dubbio preparata.
Il fuoco di fila è stato serrato: come mai il sindaco non ha vigilato sulla «voragine» contabile che l’Ufficio Ragioneria ha provocato in Municipio? Come mai Sover non ha preso niente dai fondi sovracomunali? Come mai è l’unico Comune della Val di Cembra fuori dalla Rete delle Riserve? Come mai i parchi gioco dei bimbi sono messi male? E le fontane? E i lamieroni elettorali che sono esposti da 7 anni ininterrottamente? Perché non si ascolta la gente e non si organizzano incontri pubblici, se non quando obbligati?
Molti gli interventi, tutti costruttivi. Alla fine, dialogando con civiltà, il clima si è stemperato e tutti hanno convenuto che «questo è un inizio, dobbiamo imparare a parlarci di più». Sullo sfondo i problemi più grandi della dimensione comunale: è difficile vivere in periferia, è difficile vivere in montagna, le norme provinciali non tengono conto delle specificità. Rossi, Olivi e Mellarini se lo scrivano sul taccuino, e vengano ad ascoltare, la prossima volta.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy