Salta al contenuto principale

Fiori rubati al cimitero

Incastrata dalla fototrappola

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 17 secondi

Utilizzata per immortalare di nascosto gli animali, la “fototrappola”  si è rivelata uno strumento utile anche contro i furti. In particolare, nel caso accaduto nei giorni scorsi, contro le sparizioni di fiori al cimitero di Javré, frazione di Porte di Rendena.

L’apparecchio, sistemato dalla polizia locale delle Giudicarie, è scattato immortalando una sessantenne del posto che ora deve difendersi dalle accuse di furto aggravato su cose esposte alla pubblica fede e di vilipendio di tombe.

Era da qualche settimana che all’amministrazione comunale erano giunte segnalazioni di piante e fiori spariti dalle lapidi al cimitero di Javrè. Il sindaco di Porte di Rendena, Enrico Pellegrini, si è rivolto alla polizia locale. Gli agenti, coordinati dal comandante Carlo Marchiori, si sono messi subito all’opera per risalire all’autore dell’odioso gesto attraverso indagini “tradizionali”, ossia con controlli e appostamenti, sia “alternative”, con l’aiuto delle fototrappole posizionate nella notte. Proprio quest’ultimo strumento ha consentito di inchiodare la donna alle sue responsabilità.

La svolta è arrivata domenica pomeriggio: gli agenti hanno accertato l’ennesimo furto ed esaminato le fototrappole, scoprendo che il ladro di piante e fiori aveva agito quella stessa mattina, all’alba. Il malfattore è stato identificato: si tratta di una donna del paese, che è stata denunciata.

Neppure due mesi fa gli agenti del comandante Marchiori denunciarono un’altra donna che rubava i fiori nel cimitero di Tione, ma non solo: si era pure calata i pantaloni ed aveva espletato i bisogni fisiologici tra le tombe. Anche in quel caso la responsabile era stata scoperta grazie alle telecamere.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy