Salta al contenuto principale

Nei campi ormai si ruba tutto

Sparito un ranghinatore

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 48 secondi

Negli anni, qui sul giornale, abbiamo scritto di furti di ogni genere, avvenuti in casa o nei negozi, di oro, di soldi, di biciclette, di auto e di mille altri oggetti. Ma quello avvenuto nella notte tra lunedì e martedì nei campi in zona Tione è indubbiamente un furto molto particolare: i ladri, infatti, nella notte si sono recati in campagna e hanno rubato un ranghinatore.

Prima di tutto, per chi conosce poco le macchine agricole, spieghiamo che si tratta di una sorta di grande rastrello da attaccare al trattore e impiegato principalmente per l’esecuzione dei lavori di fienagione che si collocano tra lo sfalcio e la raccolta.

A denunciare il furto è stato ieri Flavio Marchetti, giovane di Tione. «Non era mai accaduta una cosa del genere: ho chiesto a mio papà e mai in 50 anni di lavoro è stato rubato qualcosa qui da noi. E poi si tratta di un macchinario grande e ingombrante, di sicuro sono venuti con un furgone o un trattore».

Marchetti, dell’omonima azienda agricola, spiega che il modello in questione è un Fcr 11 braccia con pistone a olio e con catena e ruota tastatrice artigianali. Un pezzo, oltre a essere imgombrante, anche di valore. «Se vedessi un’offerta sui 1.500 o 2.000 euro lo prenderei subito». Cerchiamo su alcuni siti specializzati e, in effetti, vediamo che i prezzi per i ranghinatore usati si aggirano intorno ad alcune migliaia di euro, mentre per quelli nuovi i prezzi sono ovviamente più alti.
«Ci siamo accorti la mattina che lo avevano rubato: la zona dei nostri campi non è isolata, ci lavorano altre persone e per entrare bisogna passare dalla ciclabile. E poi un ranghinatore così a mano lo sposti al massimo di un paio di metri, quindi i ladri devono essersi organizzati per bene».

Ieri Marchetti ha lanciato un appello su Facebook, in particolare su alcuni gruppi “di settore”.
«Appena avrò un attimo di tempo andrò a fare denuncia per il nostro ranghinatore, anche se dubito lo ritroveremo: ormai sarà già lontano o lo avranno rivenduto a qualcuno. Però l’appello può servire ad altri agricoltori perché stiano attenti, evidentemente ormai non ci si può fidare di nessuno anche nei campi».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy