Salta al contenuto principale

Approvato il progetto esecutivo

della caserma pompieri di Condino

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 12 secondi
L’amministrazione di Borgo Chiese ha approvato il progetto esecutivo aggiornato al nuovo prezziario provinciale per la nuova caserma del Corpo dei vigili del fuoco volontari di Condino. 
Due milioni il costo complessivo della struttura che sorgerà in località Crosetta, fra cui 1.364.343 euro di lavori, 126.983 euro le spese tecniche di progettazione, 133 mila euro le spese di esproprio. Su questa cifra, 1 milione e 80 mila euro è stato concesso come contributo sulla Cassa provinciale Antincendi, altri 287 mila euro sono stati messi a disposizione dal Consorzio Bim del Chiese, 603 mila euro derivano dai canoni aggiuntivi e sono quindi somme a disposizione dell’amministrazione, oggi di Borgo Chiese.
L’iter di progettazione è stato lungo. Era il 2010 quando l’allora giunta di Condino diede il via libera al progetto preliminare, che sarà poi nuovamente approvato con delle modifiche nel 2012. L’anno successivo venne concesso un contributo provinciale pari al 75% della spesa ritenuta ammissibile a finanziamento. 
L’area, privata e destinata ad utilizzo pubblico nel Prg, ha richiesto che fossero effettuati degli espropri. 
È stato un gruppo misto di progettazione coordinato dalla Comunità di Valle a predisporre il progetto. 
La futura caserma si svilupperà su un’area che complessivamente misura circa 4 mila metri quadrati con l’edificio che si svilupperà interamente a piano terra, sarà suddivisa in due blocchi, di cui uno dedicato al parco macchine e mezzi del Corpo, circa 450 metri quadrati di edificio, mentre l’altra parte di circa 300 metri quadrati ospiterà la sala operativa, gli spogliatoi, una sala riunioni che può diventare di ristoro quando serve, una piccola cucina, i servizi igienici e l’ufficio per la gestione della burocrazia. All’esterno un ampio piazzale che in futuro potrebbe ospitare, anche se al momento non è prevista, la piazzola per l’atterraggio degli elicotteri. 
«L’opera è attesissima - spiega Andrea Bagattini, comandante dei vigili del fuoco volontari di Condino - la aspettiamo da un po’ di tempo e siamo contenti di sapere che sta proseguendo l’iter». Attualmente i vigili del fuoco di Condino sono un Corpo ben strutturato e vivace: 28 i vigili del fuoco in servizio attivo, ai quali si aggiungono una decina di allievi che assicurano il futuro, e sono sette i mezzi a disposizione dei volontari per gli interventi. L’attuale sede è nella zona industriale di Condino, dove i volontari si sono trasferiti nei primi anni Duemila e quando verrà dismessa sarà utilizzata dall’amministrazione come magazzino comunale.
Sarà ora l’Agenzia provinciale per gli appalti e i contratti (Apac) ad occuparsi dell’affido dei lavori per la realizzazione concreta dell’opera, che saranno assegnati con il criterio del massimo ribasso sull’importo a base d’asta dell’appalto.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?