Salta al contenuto principale

A Campiglio il bar ristorante Ritort

torna in gara: canone da 84 mila euro

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 12 secondi
Per il primo anno di gestione, il canone dovrà essere di almeno 83.975 euro più Iva; dal secondo al sesto anno, si prevede un aggiornamento annuale Istat del 100% dell’indice. Il Bar Ristorante «Ritort», che sorge nella omonima località sopra Madonna di Campiglio, torna in gara per il rinnovo della gestione.
L’avviso è stato pubblicato nei giorni scorsi all’albo del Comune e prevede un affitto d’azienda di sei anni, dal 1° dicembre 2018 al 30 settembre 2024, eventualmente rinnovabili per tre anni.
Gli obiettivi che il Comune di Pinzolo intende perseguire con la gara sono, in primo luogo, la valorizzazione dell’azienda, quale luogo di ristoro in quota in grado di attrarre e soddisfare la clientela che abitualmente frequenta Madonna di Campiglio e la Val Rendena, riuscendo a essere polo di interesse, piuttosto che un semplice luogo di passaggio e di ristoro, per gli ospiti.
Si punta poi adentificare un soggetto gestore in grado di valorizzare l’azienda di proprietà comunale attraverso un progetto complessivo di valorizzazione dell’area Ritort con una proposta che garantisca un’offerta di qualità per l’intera località, interessante e attrattiva per i turisti e, al tempo stesso, distintiva rispetto alle proposte di altri operatori presenti in quota a Madonna di Campiglio. Il progetto dovrà perciò comprendere un’offerta enogastronomica di qualità e anche iniziative collaterali, coerenti con l’oggetto sociale dell’azienda. 
Il progetto deve essere mirato a valorizzare la località Ritort, in coerenza anche con i valori del Comune di Pinzolo (in primis la valorizzazione dell’identità e delle tradizioni del territorio) e si chieste un’offerta di ospitalità (ristoro ed eventi collaterali) ove i clienti della struttura possano apprezzare un adeguato rapporto qualità/prezzo. Nel bando viene messo in evidenza anche il fatto che l’approccio del nuovo gestore dovrà essere caratterizzato da serietà, esperienza, capacità imprenditoriale e professionalità, in grado di garantire una gestione continuativa, di qualità e in grado di esprimere una elevata cultura dell’ospitalità.
Per questo si punta a identificare un gestore con almeno due anni di esperienza a quote non inferiori ai 700 metri, che sia in grado di condurre l’azienda in quota al meglio, con giusto profitto per sé e positivo ritorno per il Comune di Pinzolo. Infine, il Comune chiede che sia presentata una proposta di destagionalizzazione dell’attività (rispetto al periodo obbligatorio di apertura che è di soli quattro mesi, dal 1° giugno al 30 settembre) e di valorizzazione della struttura e della proposta anche nei periodi in cui la struttura sia più difficilmente raggiungibile.
Le domande di partecipazione alla gara, con le offerte, dovranno essere presentate entro le 12 del 24 ottobre e le buste saranno aperte alle 14.30 dello stesso giorno, in municipio.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?