Salta al contenuto principale

La combinata vincente di Alice

con i cocktail Daiquiri e Largà

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
! minuto 27 secondi

Ci si sfida a colpi di shaker dietro il bancone di un bar fra gli studenti delle scuole alberghiere trentine e la medaglia d’oro del quinto concorso Bar 2018, a Riva del Garda, è andata ad Alice Ferretti (foto) , dell’Enaip di Tione che, come scuola è giunta prima nella classifica riservata agli istituti in gara: Cfp Enaip di Tione, Ossana, Riva del Garda, Rovereto e Levico Terme.


La prova nella quale confrontarsi era quella di realizzare un cocktail Iba, ovvero uno dei cocktail ufficiali dell’International Bartenders Association e a fianco di questo tirare fuori creatività, gusto e capacità di mixare con fantasia creando un cocktail analcolico tutto proprio. Cinque minuti per preparare due porzioni di un cocktail Iba, dieci minuti per mixare e proporre al meglio l’analcolico di propria invenzione. La combinata migliore è riuscita ad Alice Ferretti che ha realizzato un perfetto Daiquiri e ha proposto l’analcolico di sua invenzione Largà, ovvero una bevanda realizzata con purea di fragole miscelata con resina di larice, infuso di salvia e peperoncino.


Anche il terzo posto è andato ad uno studente dell’enaip tionese, Simone Fasoli (foto) che fra i cocktail classici si è cimentato in uno Stinger e ha poi deliziato la giuria con il suo «Profumo d’amore» a base di infuso ai frutti di bosco, infuso ai fiori selvatici, succo di mirtillo, sciroppo di sambuco e una goccia di essenza pino mugo. Per la scuola tionese ha partecipato anche Nicole Ferrari che dopo aver estratto un Brandy Alexander fra le proposte alcoliche classiche, ha presentato alla giuria il suo Old Drink a base di infuso ai frutti di bosco, anice, cannella e purea di lamponi. I docenti che li hanno preparati alla sfida sono stati Franco Delvai e Fausto Roseo.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?