Salta al contenuto principale

Patate, raccolto in calo

Lomaso: 10% in meno ma la festa è stata un successo

Chiudi

I ragazzi del liceo Vittoria alla Copag per la festa della patata

Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 33 secondi

Cresce e attrae un pubblico vario e da fuori regione la Festa della Patata del Lomaso, arrivata alla sua decima edizione. Quest’anno è stata un’esplosione di colori l’iniziativa con il Liceo Vittoria di Trento, i cui studenti hanno dipinto i cassoni destinati ad accogliere le patate nella prossima stagione: un’interpretazione contemporanea e giovane sul tema del prezioso tubero lomasino e del mondo agricolo, che ha trasformato 16 bianchi e anonimi cassoni in altrettante opere di fantasia, sotto gli occhi del pubblico e degli organizzatori.

Ne è entusiasta il direttore della Copag, Luca Armanini: «E’ stato bellissimo vedere i ragazzi lavorare - raccontava il 29 ottobre, ancora preso dalla festa che si stava chiudendo con un folto pubblico impegnato ad assaggiare i piatti a base di patata - ho visto entusiasti loro e anche il pubblico.
È stato spettacolare: io che sono stato qua tutto il giorno ho visto un cassone bianco diventare un disegno nel giro di due ore, poi è stato rifinito in tutto il resto della giornata ma è stato un processo bellissimo da vedere».

È stato, questo del decimo compleanno, anche il primo anno nel quale la festa si è svolta in due location, da una parte gli eleganti vòlti di Casa Mattei a Campo Lomaso e dall’altra il piazzale della Copag che ha accolto la folla ieri pomeriggio, quando gli stand delle varie associazioni e pro loco del territorio hanno proposto ognuno la loro interpretazione culinaria della patata. D’eccezione le cene-degustazione di venerdì e sabato e il pranzo di ieri che hanno offerto, tutto ad opera di appassionati maghi dei fornelli locali della «Pro loco Stra...volti», un menù a base di patata dall’antipasto al dolce.

Un’organizzazione rodata negli anni che ha pensato ad ogni dettaglio: i vòlti di casa Mattei trasformati in locanda per accogliere oltre un’ottantina di coperti, con giovanissimi camerieri preparati ad accompagnare ai tavoli i commensali e a snocciolare le caratteristiche dei piatti, dei vini e delle varietà di patata locali. I piccoli esperti, dal più timido al più spavaldo, hanno affascinato i commensali, bellissimi nelle loro camice intonse e grembiuli neri, mentre decantavano i piatti e la tradizione agricola locale, ben imparata per la serata. Occasioni di crescita personale per i ragazzi del paese che hanno creato una serata dall’atmosfera genuina ed elegante, agli occhi dei tanti turisti in cerca di esperienze particolari e golose che hanno affollato le degustazioni.

L’annata appena trascorsa è stata una conferma per i produttori lomasini, con un calo di un 10% dovuto alle gelate: «La produzione delle patate si è assestata intorno ai 42mila quintali, che è circa un 10% in meno del nostro potenziale a causa dei danni da gelo - spiega Armanini - ma sulle patate non è comunque grave, ci sta una fluttuazione di questo tipo». Settemila i quintali di patate da seme, divise tra Cicero, Kennebec, Desiree, Primura e Universa, e altri 35mila i quintali di patate da consumo fresco, di cui circa 30mila di Cicero e altre varietà a pasta gialla, 4mila a buccia rossa e un migliaio di quintali a pasta bianca.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy