Salta al contenuto principale

Una poltrona per tre

La sfida per Sella Giudicarie

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 4 secondi

Una poltrona per tre: questo accade a Sella Giudicarie, il comune nato dalla fusione fra Roncone, Bondo, Breguzzo e Lardaro, diventato (sfiorando i 3.000 abitanti) uno dei cinque comuni più popolosi delle Giudicarie. Sono state depositate la lista «Civica Futura», capitanata dal candidato sindaco più giovane, Ivan Bazzoli, 31 anni; poi «Orizzonte Comune» a sostegno di Raffaele Armani, sindaco di Lardaro per 30 anni, per 10 consigliere comunale, per 5 assessore comprensoriale, per altri 5 (gli ultimi) presidente del Comprensorio, giusto prima della partenza della Comunità di Valle, di cui è stato consigliere fino all’anno scorso.

Di fronte avrà un uomo delle istituzioni attuali: Franco Bazzoli, assessore uscente del comune di Roncone e oggi presidente del Consorzio Bim del Chiese, che guida «Costruire Comunità».

Parecchi sono i volti noti che si incontrano nelle liste, da Catia Amistadi (di Roncone), già vicesindaca e assessore comprensoriale; Ilda Frioli, già sindaca di Breguzzo; Valerio Bonazza di Breguzzo, Susan Molinari (animatrice sociale di Bondo) e Massimo Valenti (sempre di Bondo), vicesindaco uscente e presidente del Consorzio turistico del Chiese.

Una particolarità. Nessuno dei quattro sindaci uscenti (Werner Bonenti di Lardaro, Erminio Rizzonelli di Roncone, Giuseppe Bonenti di Bondo e Antonello Ferrari di Breguzzo) ha deciso di tornare nella stanza dei bottoni.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy