Salta al contenuto principale

Affittava case inesistenti

intascava la caparra,

poi spariva: denunciato

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 42 secondi

Denunciato dai carabinieri un giovane di 28 anni residente in provincia di Macerata accusato di avere affittato un appartamento inesistente a Canazei, in val di Fassa.

Una turista ha segnalato di avere letto in internet un’inserzione che pubblicizzava l’affitto di un appartamento per il periodo invernale. Contattato l’inserzionista per telefono, la giovane ha trovato un accordo sul contratto d’affitto e successivamente, come da istruzioni ricevute, ha versato una caparra di 600 euro su una carta di credito ricaricabile fornita dal venditore. Da quel momento in poi l’inserzionista si è reso irreperibile nonostante le insistenti telefonate della donna.

Gli accertamenti condotti dai carabinieri della val di Fassa hanno portato all’individuazione del presunto ideatore della truffa, con numerosi precedenti penali in materia di reati contro il patrimonio, il quale si sarebbe servito di utenze telefoniche intestate in modo fittizio a stranieri.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy