Salta al contenuto principale

Elezioni in Val di Fassa

Donei più votata, ma non basta

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 55 secondi
Cristina Donei, ex Procuradora e candidata del neocostituito Movimento ladin de Fascia, nuova realtà politica della Val di Fassa, «forte dei 664 voti ricevuti dagli elettori», si è detta «particolarmente soddisfatta per il risultato personale» essendo, a spoglio ultimato, «la persona più votata della valle ladina anche se di fatto defilata dalla politica negli ultimi tre anni e mezzo».
 
L'attuale legge elettorale, ricorda una nota del Movimento, fa andare a Trento quale rappresentante, il candidato più votato all'interno della lista più votata. Donei essendo nella seconda lista, quella che non è risultata vincente pur avendo i voti superiori, non andrà a Trento in Consiglio, come invece farà Luca Guglielmi, aggiunge la nota.
 
«È un vero peccato - dice Donei - non poter rappresentare la nostra comunità, ma sono comunque molto soddisfatta del risultato e ringrazio davvero tutti gli elettori della Val di Fassa che mi hanno riconosciuto la stima politica, votandomi».
Il Movimento ha preso in totale 1890 voti, contro i 2490 della lista Fassa il cui candidato Guglielmi (eletto) ha preso 650 preferenze personali.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy