Salta al contenuto principale

«Un pasticcio, goffo esperimento»

Dolomitivives di nuovo stroncata

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 2 secondi

«Basta con questi goffi esperimenti». La dice lunga il titolo dell’intervento di Michele Anesi segretario politico della Ual, che boccia senza appello la limitazione del traffico su Passo Sella con «dolomitesvives».

Commenta Anesi: «Stagioni turistiche sempre più corte, pressione fiscale sempre più pesante, tutti noi ogni giorno (almeno per chi con il turismo vive) ci adoperiamo in tutti i modi possibili ed immaginabili, per rendere l’esperienza vacanziera dei nostri graditi ospiti la più indimenticabile della loro vita. E poi però ci sono sempre più queste “scelte” che volenti o nolenti noi tutti dobbiamo subire, e con tempistiche sempre “last-minute” che lasciano soprattutto i nostri turisti in una situazione di smarrimento e delusione».

Scelte quindi «che appaiono sempre più come dei “goffi esperimenti” e che si ripercuotono comunque esclusivamente su quelle realtà che di turismo “vivono”, e su quelle che dal turismo vorrebbero trarre il massimo, come libertà, riposo, relax e panorami mozzafiato. Dietro alla nostra economia turistica, ci sono moltissimi equilibri delicati da valutare e soprattutto rispettare».

Quindi famiglie che hanno investito cifre importanti per migliorare la propria azienda, con impegni economici molto importanti. Aziende stagionali e non che vedono calare il proprio fatturato, giorno dopo giorno. È proprio in questo “modus operandi” che la politica dovrebbe cambiare direzione, la buona politica deve portare i nostri cittadini a sentirsi protetti ed ascoltati».

Secondo Anesi, le valli ladine devono farsi sentire: «Il futuro del nostro turismo andrà sicuramente verso un turismo più ecologico e sostenibile. Dobbiamo lavorare tutti insieme con un “vero” spirito di squadra, per risolvere ormai l’annoso problema della gestione dei passi dolomitici. Avremo sempre più bisogno di innovare la nostra offerta turistica, e l’unica soluzione per autofinanziarsi rimane il pedaggio, non il pedaggio sui passi, ma bensì una vignetta all’entrata di tutte le zone più visitate e ammirate di tutto il mondo».

Secpdo Anesi «ol ricavato di questo “ticket” dovrà venir ridistribuito all’interno della zona Unesco e reinvestito “passo dopo passo” per la valorizzazione , la salvaguardia , i servizi e soprattutto per una mobilità veramente ecologica: basta alle corriere che ad ogni tornante “affumicano” le nostre montagne.

E’ solo con una politica di autonomia-finanziaria che si potrà realmente fare quel salto di qualità, che darebbe ancor più senso di Autonomia alla Regione Trentino Sudtirol ed alle due provincie di Bolzano e Trento. Autonomia è anche soprattutto fiducia nella propria popolazione».

Il brano è un capitolo del libro «Insieme» che Anesi ha pubblicato in questi giorni.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?