Salta al contenuto principale

Tesero, vandali scatenati

«Adesso basta: siamo stufi»

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 9 secondi

Un paese di giovani volonterosi, con il più grande numero di associazioni culturali di tutta la Valle di Fiemme e con alcuni dei locali più frequentati nelle serate valligiane, da alcuni mesi si trova a fare i conti con una serie di pessimi comportamenti, che deturpano il decoro e la reputazione di chi, invece, vive la notte con divertimento e responsabilità.

Anche l’altra mattina piazza Cesare Battisti di Tesero si è svegliata imbruttita dalla barbarie: dopo i graffiti in via Benesin, le decorazioni della piazza e la casetta del parco giochi sono state distrutte e scaraventate contro le vetture nel parcheggio sottostante, causando danni ingenti.

«Siamo esasperati e furibondi da questo malcostume incivile» è lo sfogo indignato della sindaca Elena Ceschini, che negli ultimi mesi ha coordinato una serie di incontri con i locali del paese per pianificare delle soluzioni al problema. «Stiamo lavorando per mantenere le serate di giovani e adulti piacevoli per tutti. Sappiamo tutti cosa significa divertimento e credo che questo danneggiare il paese e le proprietà altrui non lo sia decisamente. In questo momento penso a chi deve riparare il proprio furgone, deve ritinteggiare le proprie case, deve fare ore straordinarie per riparare e ripulire con amore la nostra piazza, a causa di una bravata vergognosa di alcuni delinquenti. Perché delinquenti sono e, nonostante per ora la polizia locale abbia difficoltà a trovarli, ci auguriamo vivamente che con l’arrivo delle telecamere del progetto di videosorveglianza in partenza su tutta la valle con Tesero come capofila, di riuscire a identificare questi soggetti e far loro ripagare tutti i danni e le offese che stanno arrecando a persone innocenti».

Benché i piccoli incidenti del sabato sera e gli schiamazzi fino a tarda notte non siano nuovi per il comune di Sant’Eliseo - risale allo scorso 4 agosto l’ordinanza comunale che vieta gli schiamazzi notturni dalle 23 alle 8, tutti i giorni, sabato e domenica compresi su tutto il territorio comunale - gli ultimi atti di delinquenza stanno esasperando popolazione e amministrazione,come riprende la sindaca «sono furibonda perché atti del genere danneggiano non solo il comune, ma anche i giovani, tantissimi, che invece vivono tesero anche la notte in pieno rispetto delle abitazioni e dei compaesani che stanno riposando. Ad ora possiamo solo vigilare con lo spirito di buon vicinato che tanto ci caratterizza: rinnovo l’appello per prima cosa alle forze dell’ordine nell’attivarsi per intervenire con più efficacia, e ai ragazzi con intelligenza e maturità di segnalare con tempestività i comportamenti lesivi anche per loro, ma ci impegneremo con tutte le nostre forze affinchè i colpevoli vengano identificati».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?