Salta al contenuto principale

Non ritrova la propria auto

con la figlia di 10 anni dentro

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 35 secondi

Attimi di paura e mobilitazione generale che ha interessato tutta la sponda orientale del lago di Garda arrivando sino in Trentino ieri poco prima di mezzogiorno per un allarme scattato a Malcesine dove un uomo di 45 anni residente a Brenzone ha denunciato il furto dell'auto al cui interno aveva lasciato la figlia di 10 anni. Salvo poi accorgersi di essersi sbagliato, ritrovare la piccola sana e salva ma essere denunciato per procurato allarme e abbandono di minore.
Una storia surreale, fortunatamente con un lieto fine. L'uomo aveva parcheggiato la sua Passat lasciando all'interno la figlia, con la radio accesa e le chiavi nel cruscotto, e si è allontanato assieme a un amico per un servizio di volantinaggio di promozione dell'attività di parapendio, che ha molti praticanti sul vicino Monte Baldo. Poco dopo è tornato dove credeva di aver lasciato l'auto, e ha dato l'allarme perchè la vettura era "sparita" assieme alla figlia. Così è scattato il protocollo previsto nei casi di sequestro di minori.
Le ricerche, coordinate dal Reparto Operativo dei Carabinieri di Verona comandato dal tenente colonnello Fabrizio Cassatella, ha impegnato decine di uomini e mezzi, compreso l'elicottero che si è alzato per sorvolare la zona, coinvolgendo i militari di Trento e Bolzano fino a Brescia, lungo l'asta del lago di Garda, e anche la Polizia di Stato e la Guardia di Finanza, con posti di blocco fino all'autostrada, poichè non si poteva ipotizzare se l'auto rubata con la bambina a bordo avesse imboccato direzione nord o sud. L'allarme è stato diramato a tutte le centrali operative dei carabinieri anche del Basso Trentino e la Compagnia di Riva ha immediatamente distaccato una pattuglia all'ingresso sud di Torbole. Al culmine delle ricerche l'uomo di Brenzone si è reso conto di essersi sbagliato sul posto dove aveva parcheggiato la macchina, che ha trovato, con la bambina seduta all'interno. Allarme cessato e lieto fine, dunque, ad esclusione del papà per il quale ci sarà uno strascico giudiziario.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy