Salta al contenuto principale

Torbole, il sindaco ha posato

la prima parete del municipio

Entro giugno l'edificio prefabbricato ed ecosostenibile dovrebbe essere pronto. Intanto le ditte escluse dall'appalto fanno appello al Consiglio di Stato contro la sentenza contraria del Tar

Chiudi

Il sindaco di Nago-Torbole Gianni Morandi "posa" la prima parete prefabbricata del nuovo municipio al parco dell'ex colonia Pavese

Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 17 secondi

Il municipio del comune di Nago-Torbole sta per essere edificato. Lunedì mattina, il sindaco Gianni Morandi ha posizionato il primo pannello in legno del prefabbricato che comparirà nello spiazzo del parco dell’«ex Colonia Pavese», facendo così un ulteriore passo in avanti verso il completamento della struttura.

«Una giornata storica - ha spiegato il primo cittadino - dopo trent’anni vedremo sorgere un vero e proprio municipio. Al che ne dicano i più dubbiosi, in questi mesi sono state realizzate delle opere comprendenti fondazioni e vari sottoservizi per una somma totale di circa 200.000 euro, lavori che hanno richiesto del tempo necessario e prudenziale, soprattutto per rispettare alcune vicissitudini giudiziarie non ancora terminate».

L’iter di edificazione ha avuto una strada tortuosa, partendo dalla primavera del 2017 durante la quale è stato presentato un referendum di protesta ed opposizione alla realizzazione dell’opera da parte del «Comitato Piazza Grande» di Torbole.

Successivamente, le imprese «Damiani-Holz&Co spa» e «Iti Impresa generale spa» hanno presentato un ricorso al Tar contro l’appalto provinciale, polemizzando riguardo all’esclusione della propria offerta durante la gara d’appalto telematica. Superati dunque questi ostacoli, l’impresa «Mak Costruzioni srl» di Lavis, che si aggiudicò l’appalto nel maggio dello scorso anno con un ribasso del 5,58%, ha dato il via ai lavori. Nei mesi invernali, il Parco della Pavese è stato chiuso per permettere di ridefinire i servizi sottostanti la piastra di fondazione.

L'ultimo passaggio è proprio di queti giorni, con le aziende ricorrenti che hanno presentato appello al Consiglio di Stato contro la decisione del Tribunale amministrativo regionale.

L’edificio che ospiterà l’amministrazione comunale è stato progettato nel pieno rispetto delle normative ecosostenibili vigenti nei protocolli «CasaClima Gold Nature», in cui rientra.

Il prefabbricato, che da qui a fine giugno sorgerà grazie all’assemblaggio delle varie pareti in perfetto “stile Lego”, è stato realizzato con materiali in grado di mantenere l’aria purificata, evitando così di rilasciare sostanze nocive all’interno dei locali di lavoro. Questa struttura si configura come un edificio moderno, a grandi prestazioni energetiche, in linea con le norme antisismiche, al fine di garantire a chi vi accederà i giusti spazi per poter amministrare un comune. La ditta incaricata del progetto si è preoccupata di curare nel dettaglio sia l’aspetto indoor sia quello outdoor, in modo da garantirne un’adeguata integrazione in termini ambientali e urbanistici.

«Sono molto orgoglioso di questo progetto e di aver finalmente posato la “prima pietra” in maniera concreta - ha aggiunto il sindaco Morandi - c’è ancora del lavoro da fare ma, grazie alla grande professionalità di chi ne fa parte, i cittadini potranno ammirare già nelle prossime settimane l’intera forma dell’edificio. Siamo particolarmente contenti di aver portato avanti questo progetto nonostante le difficoltà. Ora si va avanti».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?