Salta al contenuto principale

Alto Adige, 2000 Schützen

a San Paolo di Appiano

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 45 secondi

La richiesta di scuse da parte dell'Italia e un più deciso mea culpa per la politica condotta dopo la prima guerra mondiale sono state al centro della tradizionale commemorazione degli Schützen per gli ex terroristi a San Paolo di Appiano, in occasione del 54/o anniversario della morte di Sepp Kerschbaumer. L'indipendentista era stato incarcerato dopo la notte dei fuochi del 1961, quando in Alto Adige furono fatti esplodere 37 tralicci. 

Dopo la messa nella chiesa parrocchiale, il corteo di circa 2.000 cappelli piumati si è recato al cimitero, dove e' intervenuto il responsabile del Heimatbund Roland Land che citando un sondaggio dell'Istituto Demetra ha detto che 59% degli italiani sarebbero a favore della concessione del doppio passaporto agli altoatesini di lingua tedesca e ladina. 

L'ospite d'onore, l'attivista Hans-Jürg Humer pur ricordando che a Redipuglia il presidente Sergio Mattarella aveva condannato il 'nazionalismo aggressivo' dell'Italia, ha chiesto un mea culpa più deciso.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy