Salta al contenuto principale

Da docente universitaria a senza tetto

Bolzano, addio a Mariasilvia Spolato

prima italiana a fare coming out

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 4 secondi

Una vita di alti e bassi, come una barca nella tempesta, ma sempre coerente, rinnegandosi mai. È questa la storia di Mariasilvia Spolato, morta nei giorni scorsi all’età di 83 anni in una casa di riposo di Bolzano: laureata con 110 e lode, è stata docente universitaria di matematica. Nel 1972 è stata la prima donna in Italia a fare coming out e a perdere poi tutto, la compagna, il lavoro e i legami familiari.

È finita per strada come senzatetto e per molti ha vagato per le strade di Bolzano, sempre alla ricerca di libri e giornali da leggere.
La notizia della morte è stata appresa dal fotografo Lorenzo Zambello e raccontata sulle pagine del quotidiano Alto Adige da Luca Fregona, che in questi anni si era fermato innumerevoli volte per strada per scambiare due parole con questa piccola grande donna. E pensare che Mariasilvia da giovane laureata in matematica aveva tutte le carte in regola per una carriera accademica. La docente universitaria alle fine degli anni Sessanta pubblicò dei manuali per Fabbri e Zanichelli. Ma la sua profonda coerenza la portò a dichiarare nel 1972 il suo amore per un’altra donna. Scese anche in piazza per i diritti lgbt.

Per GayLib, «Mariasilvia Spolato è stata una delle più significative pioniere nella battaglia per il diritto all’esistenza e al riconoscimento sociale delle persone gay e lesbiche in Italia».
Quella scelta di coerenza avrebbe però cambiato profondamente la sua vita. Passo dopo passo perse tutto, il lavoro, la donna che amava e anche la rete familiare che ti trattiene quando scivoli. Mariasilvia finì per strada, nessuno sa bene perchè proprio a Bolzano. Ebbe inizio una lunga vita da clochard. «La vedevo - racconta il giornalista Fregona - con i suoi borsoni a tracolla, la giacca a vento e il berretto di lana calato in testa, vagare per parchi e strade o dormire in stazione.

Nell’ultimo periodo che girava in città utilizzava un carrello della spesa per trasportare tutto. Era sempre intenta a leggere qualcosa o a fare i cruciverba. Non era scontrosa, ma non parlava volentieri. Se ti fermava era solo per chiederti una sigaretta». «Come fotografo - ricorda invece Zambello - è stato un grande onore poterla fotografare, infatti non amava essere ripresa. Questa primavera, mentre facevo ritratti degli ospiti di villa Armonia, è stata lei a venire da me». Ora molte persone a Bolzano, ma anche nel resto del territorio nazionale, si stanno mobilitando per organizzare i funerali della prima italiana che disse sì e non si voltò mai indietro.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?