Salta al contenuto principale

I sinti in corteo a Bolzano

«Basta discriminarci»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 47 secondi

«Noi Sinti viviamo in Alto Adige da tre e perfino quattro generazioni. Siamo e ci sentiamo al 100% altoatesini». Lo dice Radames Gabrielli, presidente dell’associazione Nevo Drom. Le associazioni Sinte del Trentino Alto Adige Nevo Drom, Sinti nel mondo e U giaven hanno organizzato una manifestazione con corteo per portare un messaggio alle politiche del governo. Presenti anche l’Anpi locale e l’ex sindaco di Bolzano Luigi Spagnolli. «Noi Sinti siamo al 100% cittadini italiani, abbiamo diritti e doveri come tutti gli altri italiani. Molti di noi hanno un lavoro normale ed altri vorrebbero averlo». «Siamo già tutti censiti e registrati dalla nascita - aggiunge - abbiamo una carta d’identità, un codice fiscale». «La paura - dichiara ancora il presidente di Nevo Drom - è che le nostre condizioni di vita diventino ancora più difficili». «Chiediamo fiducia ai nostri concittadini. Siamo pronti a lavorare e speriamo che cadano i pregiudizi e ci venga dato del lavoro», conclude Gabrielli.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy