Salta al contenuto principale

Truffa dei blindati: in 5 a giudizio

Esercito, il "giallo" dei suicidi

Un caso al Comando di Bolzano

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 48 secondi

Il gip del tribunale militare di Roma ha rinviato a giudizio cinque ufficiali coinvolti nella presunta truffa riguardante la blindatura - più leggera (e quindi meno costosa) di quella pattuita - dei veicoli civili destinati ai militari di vertice e alle personalità in visita al contingente italiano in Afghanistan.

Un sesto imputato, un colonnello originario di Foggia, è morto due settimane fa: il suo corpo è stato trovato senza vita, impiccato, in un ufficio del Comando Truppe alpine di Bolzano, dove prestava servizio. L'ipotesi degli inquirenti è che si sia suicidato. Il processo è stato fissato per il 12 giugno.

L'inchiesta prese le mosse da un'altra morte: quella del capitano Marco Callegaro, 37 anni, originario della provincia di Rovigo ma residente a Bologna. Nella notte tra il 24 e il 25 luglio 2010 venne trovato morto nel suo ufficio all'aeroporto di Kabul, ucciso da un colpo di pistola. Anche questo fatto è stato archiviato come suicidio, ma i familiari e gli amici non ci credono. E chiedono che si faccia "chiarezza".

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy