Salta al contenuto principale

Anestesia letale

<br />

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 7 secondi

TERLAGO - Morte di un orsetto viaggiatore . Un plantigrado, forse quello che negli scorsi giorni si è reso protagonista di una serie di scorribande notturne nella Valle dei Laghi, è deceduto ieri mattina a Monte Teralgo.

L'animale è finito in una delle trappole allestite dal Servizio provinciale foreste e fauna, una «trappola a tubo»: quando la bestia entra, scende una grata che non le lascia via di scampo. Tutto come secondo procedura, secondo i protocolli utilizzati in tutta Europa.
L'idea era quella di avvicinarlo per mettergli un radio-collare e così studiarne i movimenti e procedere alle attività di dissuasione (convincerlo, con le buone, a non frequentare la zona abitata).

L'allarme è scattato ieri alle 4 del mattino. Quando l'animale è finito nella trappola, un segnale è arrivato a Trento e così gli agenti forestali sono intervenuti immediatamente. A Monte Terlago è giunta una «squadra cattura»: quattro agenti più il veterinario.
Erano circa le 4.30 quando è stato iniettato l'anestetico. Di solito passa un quarto d'ora prima che questo faccia effetto e si possa quindi mettere il radiocollare alla bestia. Passati quindici minuti, agenti e veterinario hanno però visto che non c'era più battito.
Constatato il decesso, l'orso - un esemplare maschio di 185 chilogrammi (età stimata dai tre ai sei anni) - è stato portato al centro faunistico del Casteller.

 

Tutto sull'Adige cartaceo

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy