Salta al contenuto principale

Tu sei qui

alcolismo

L’Alto Adige soprattutto, ma in parte anche il Trentino, figurano ai primi posti della infelice graduatoria nazionale sull’eccesso di consumo di alcol.
Commenti 405 16 Apr. 2015 Leggi tutto
Ad intervenire dopo la denuncia dalla signora Rosanna Tamanini è Massimo Peterlana, rappresentante della Fiepet Confesercenti. «Dirò una cosa che magari potrà creare polemiche, ma prima di tutto - spiega - credo che il problema in questo caso sia della figlia con l'alcol. Questo deve essere gestito e risolto dagli interessati all'interno del rapporto famigliare». Peterlana, però, sottolinea anche come non bisogna comunque ignorare il problema   «Basta alcol ai minorenni» I vostri commenti
Commenti 0 21 Ago. 2014 Leggi tutto
Se il problema dell’abuso di alcolici tra i minori non è una novità, a prendere il problema di petto, questa volta è una mamma di Trento, Rosanna Tamanini, che punta il dito contro i locali che, spesso, incuranti della normativa (e del buonsenso), servono da bere alcolici anche a ragazzi che hanno meno di 18 anni. Un intervento, il suo, frutto di un’esperienza personale che ha visto come protagonista la figlia appena 17enne I tuoi commenti
Commenti 0 19 Ago. 2014 Leggi tutto
In Italia nel 2010 sono morte per cause totalmente o parzialmente  attribuibili all'alcol 16.829 persone al di sopra dei 15 anni. Nel complesso, il 20% dei decessi per tumori maligni negli uomini e il 6,9% di quelli nelle donne è attribuibile all'alcol, così come il 37% delle morti in incidenti stradali per gli uomini  e il 18% per le donne. A livello regionale i valori più elevati di decessi attribuibili all'alcol tra gli uomini si registrano in Valle d'Aosta, nella Provincia Autonoma di Trento, in Molise, in Basilicata e in Calabria, mentre tra le donne in Molise, Valle d'Aosta, Puglia, Basilicata, Calabria, Piemonte  e Veneto
Commenti 0 10 Apr. 2014 Leggi tutto
Laura Liberto dirige il reparto di riabilitazione alcologica dell'ospedale San Pancrazio, ad Arco. In 15 anni di lavoro in corsia ha assistito ad un netto cambio di tendenza. «Una volta i nostri pazienti erano persone mature, e le donne erano davvero pochissime - ha detto di fronte alla platea - mentre oggi notiamo un notevole aumento delle presenze femminili, a partire dai 25 anni in su»
Commenti 0 03 Apr. 2013 Leggi tutto
  •