Salta al contenuto principale

Oggi l'Itas in campo

parte la grande sfida

della Coppa Italia

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 36 secondi

Prende il via oggi pomeriggio la fase decisiva della Coppa Italia edizione 2019. All'Unipol Arena di Casalecchio di Reno andranno infatti in scena le due semifinali che stabiliranno chi sarà a giocarsi il titolo nella finale di domani.
Dopo la prima gara che vedrà di fronte alle 15.30 la Sir Perugia e l'Azimut Modena, alle 18 sarà la volta dell'Itas Trentino. La squadra di Lorenzetti se la vedrà con la Lube Civitanova e sarà la quarta sfida tra le due squadre dall'inizio della stagione. Finora nelle due gare di campionato ha sempre prevalso la Lube ma nella partita più importante - la finalissima del Campionato del mondo per club in Polonia - è stata invece l'Itas a spuntarla.
Oggi entrambe le squadre ripartiranno da zero. Tanto più che Civitanova non è più quella che a inizio dicembre fu sconfitta a Czestochowa: sulla sua panchina non siede più Giampaolo Medei ma Ferdinando De Giorgi. Qualche giorno fa, nella conferenza stampa di presentazione della partita, Simone Giannelli ha toccato questo tasto: «Non so se il cambio abbia portato qualche cosa di diverso dal punto di vista tecnico, questo bisognerebbe chiederlo ai giocatori della Lube - ha detto il capitano dell'Itas -. Quello che mi pare evidente è che il rendimento è cambiato. Evidentemente i ragazzi hanno risposto bene ai nuovi stimoli».
Per quanto riguarda i contenuti tecnici, invece, Giannelli fa riferimento ai numeri statistici prodotti per prevedere che «sarà una bellissima semifinale. Risulta quindi difficile sapere in anticipo cosa potrà fare la differenza: probabilmente saranno i dettagli».
Giannelli ricorda poi come per disputare queste Final Four, l'Itas abbia dovuto vedersela nei quarti di finale con una delle squadre più in forma del momento, la Calzedonia Verona che da quando ha ingaggiato Kaziyski ha dimostrato di aver fatto il salto di qualità. «Siamo arrivati a questa Final Four perché ce lo siamo meritati e ora vogliamo capire a che punto siamo della gerarchia del volley nazionale. Qualsiasi sarà il risultato finale torneremo a casa con qualcosa in più rispetto a quello che siamo ora».
L'allenatore Angelo Lorenzetti avrà a disposizione tutta la rosa al completo e in buona condizione, nonostante qualche fastidio fisico dovuto alla trasferta di Cev in Svizzera. «La situazione è abbastanza buona. Anzi, per i giocatori è stata quasi una fortuna essere un po' indolenziti - butta lì ridacchiando -: così non abbiamo potuto fare lavori particolarmente duri in questa settimana».
Battute a parte, tutto è pronto per una sfida ad alta intensità come lo sono sempre quelle tra due squadre in forma e di blasone.
La Lube, tra l'altro, vanta un precedente importante proprio alla Unipol Arena: due anni fa in questo palazzetto conquistò la sua quinta Coppa Italia superando in finale proprio Trento per 3-1. Oggi ci arriva dopo aver sofferto terribilmente nei quarti di finale con Monza. Una gara che ha vinto per 3-2 dopo aver rimontato al tiebreak da 11-14 ed aver annullato ai brianzoli complessivamente ben sei matchpoint.
Per l'occasione il tecnico pugliese dovrebbe recuperare anche Juantorena (ex di turno assieme a Sokolov) che proprio nei quarti di Coppa Italia aveva accusato problemi fisici e da allora non ha più giocato.

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy