Salta al contenuto principale

Itas pazzesca: PalaTrento infuocato, Perugia ko 3-0

Primo posto in classifica per Giannelli e compagni

Kovacevic una certezza, Vettori favoloso col 68% in attacco

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
3 minuti 26 secondi

Lorenzetti aveva detto che questo match avrebbe detto molto sulla sua squadra: una sfida utile per capire a che punto fosse la sua squadra. Ebbene: il 3-0 con cui Russell e compagni hanno sconfitto la corazzata Perugia dice che l'Itas è sola in testa alla classifica dell'A1 e si conferma formazione di livello assoluto. Un 3-0 che lascia spazio a poche discussioni: Trento ha vinto piuttosto nettamente i primi due set, mentre nel terzo ha saputo annullare tre set point per poi chiudere sul 35-33 al settimo tentativo.

Straordinario ancora una volta Kovacevic, top scorer con 17 punti, ma forse il titolo di Mvp lo merita Vettori, autore di 13 punti ma con un incredibile 68% in attacco e 0 errori: percentuali da centrale, non certo da opposto (Atanasijevic ha chiuso col 31% e 3 errori). Perfetto, ma ormai non è più una notizia, il libero Grebennikov, che ha chiuso con il 50% di perfette e il 77% di positive con 0 errori (per rendere l'idea il suo pari ruolo Colaci si è fermato al 33% di perfette e 57% di positività con 2 errori). A Perugia non sono bastati i 15 punti di Leon.

Itas Trentino-Sir Safety Conad Perugia 3-0
(25-23, 25-19, 35-33)
ITAS TRENTINO:  Kovacevic 17, Lisinac 11, Vettori 13, Russell 11, Candellaro 6, Giannelli 2, Grebennikov (L); Van Garderen, Nelli, Daldello. N.e. Cavuto, De Angelis, Codarin. All. Angelo Lorenzetti.
SIR SAFETY CONAD: Lanza 6, Podrascanin 7, Atanasijevic 11, Leon 15, Galassi 5, De Cecco 1, Colaci (L); Della Lunga 4, Seif, Hoogendoorn 4, Ricci 1, Hoag. N.e. Piccinelli. All. Lorenzo Bernardi.
ARBITRI: Puecher di Padova e Lot di Treviso.
DURATA SET: 29’, 31’, 41’; tot 1h e 14’.
NOTE: 4.000 spettatori, per un incasso di 54.634 euro. Itas Trentino: 8 muri, 6 ace, 17 errori in battuta, 2 errori azione, 55% in attacco, 65% (33%) in ricezione. Sir Safety Conad: 10 muri, 3 ace, 21 errori in battuta, 4 errori azione, 47% in attacco, 63% (30%) in ricezione. Mvp Lisinac.

La cronaca del match. Gli starting six non riservano sorprese, con i due allenatori che confermano quelli previsti alla vigilia; Lorenzetti dispone Giannelli in regia, Vettori opposto, Kovacevic e Russell in banda, Lisinac e Candellaro al centro, Grebennikov libero mentre Bernardi sceglie De Cecco al palleggio, Atanasijevic opposto, Leon e l’ex Lanza (premiato prima del fischio d’inizio) schiacciatori, Podrascanin e Galassi al centro, Colaci libero.

L’inizio è scoppiettante, con le due formazioni che scattano alla grande dal blocchi di partenza regalando grande spettacolo; ad avere l’impatto migliore è Trento che con un muro di Candellaro e il contrattacco di Kovacevic volta sul +2 (8-6), che diventa +4 nel momento in cui Lisinac va in zona di battuta (due ace per il 12-8 – time perugino). A ricomporre lo strappo ci pensano i servizi di Leon (13-12). Il muro di Podrascanin su Russell regala la parità a quota 15; l’Itas Trentino ha ancora benzina per schizzare via sul 18-16, prima di essere ripresa sul 20-20. Allo sprint il muro di Lisinac su Atanasijevic offre due palle set ai gialloblù (24-22), che sfruttano la seconda (errore di Lanza) per portarsi avanti 1-0 (25-23).

Perugia reagisce in maniera veemente in avvio di secondo parziale, volando subito sull’1-4 che poi diventa 2-6 quando anche Atanasijevic realizza break point in attacco. Candellaro col servizio ricuce parzialmente lo strappo (5-8), poi ci pensano Kovacevic e Lisinac (muro a uno su Podrascanin) a scrivere la parità (9-9, time out Bernardi). Al rientro in campo Trento continua ad essere efficace in fase di break point e con i muri di Lisinac e Russell scappa via sul 15-12, momento in cui Bernardi richiama in panchina il proprio opposto serbo. Hoogendoorn, il suo sostituto, mette a terra qualche buon pallone (19-16), ma Giannelli non concede nulla e guida la sua squadra verso il 2-0, che si materializza già sul 25-19 con un Russell ispirato in attacco.

Anche nella terza frazione Perugia parte forte e allunga di qualche punto. Ma Trento non si scompone e a metà frazione impatta. Il finale è per Trento che allunga di due lunghezze, ma poi Lisinac si becca una murata e Della Lunga si inventa un lungolinea incredibile. Si va ai vantaggi: l'inerzia è per gli ospiti, ma Kovacevic è lucidissimo nel cambio palla. Poi Atanasijevic spara out ed è l'Itas ad avere match point in serie. A chiudere ci pensa Vettori, che fa esplodere di gioia il PalaTrento per un meritato 3-0.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy