Salta al contenuto principale

Itas strepitosa a Perugia

3-0 e Grebennikov show

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
3 minuti 39 secondi

Strepitosa. Perfetta. Fantastica. Ogni aggettivo si addice perfettamente all'Itas, che a Perugia nella semifinale di Supercoppa ha annichilito i padroni di casa, favoriti della vigilia, in soli tre set. I ragazzi di Lorenzetti hanno difeso e murato alla grande, trascinati da un Grebennikov pazzesco in seconda linea e da un Lisinac insuperabile. Ottima la prova anche in attacco dei tre di palla alta, orchestrati da un Giannelli fantasioso e preciso. Arginato il fenomeno Leon, murato più volte e incisivo solamente in battuta. Malissimo i due ex Lanza e Colaci. A chiudere la gara un ace di Nelli, gettato nella mischia da un lucido Lorenzetti nel momento più delicato della sfida. 


I SESTETTI

Per il primo impegno ufficiale della stagione, Angelo Lorenzetti si affida al miglior sestetto possibile, che prevede Giannelli al palleggio, Vettori opposto, Kovacevic e l’ex di turno Russell in banda, Candellaro e Lisinac al centro e Grebennikov libero. La Sir Safety Conad padrona di casa nello starting six conta su De Cecco in regia, Atanasijevic opposto, l’attesissimo Leon e Lanza (alla prima contro Trento) schiacciatori, Ricci e Podrascanin centrali, Colaci libero.

LA CRONACA

Ad impattare meglio sulla partita è l’Itas Trentino, che con Giannelli e Rusell stampa subito due muri sugli attacchi di Leon (4-1); Perugia non si disunisce e recupera immediatamente lo svantaggio (6-6). I gialloblù hanno però grande compattezza in fase di break point e con Vettori, Lisinac e Giannelli (ace) provano a scappare di nuovo (14-11), ma gli umbri con Leon ora in palla scrivono di nuovo la parità a quota diciannove. Il rush finale è nel segno di Kovacevic (21-19) e Lisinac (24-22), spunti che consegnano il primo set già sul 25-22 (errore a rete di Lanza).

Il buon momento trentino continua anche nel secondo set, con i gialloblù che trovano il vantaggio sul 6-4 e lo tengono intatto anche nella parte centrale del parziale (13-11) grazie all’ottima fase di cambiopalla impostata di Giannelli. Kovacevic e Grebennikov in fase di break si esaltano spingendo i compagni al massimo vantaggio (18-14, time out Bernardi). Alla ripresa però il muro di Uros e quello di Lisinac aumentano il gap (22-16), prima che Leon cerchi di ricompattare la situazione (22-19, tempo di Lorenzetti). A scrivere il 2-0 (25-21) ci pensano i cambiopalla dell’ex di turno Russell.

Nel terzo set Perugia prova a reagire col servizio di Leon, che a suon di ace firma il 5-8; Trento replica sino al 13-14, prima di un’altra battuta punto (13-16) di De Cecco sul neo entrato Van Garderen (per Kovacevic). Nel momento più difficile sono le difese di Grebennikov e i contrattacchi di Russell ad aiutare i gialloblù a trovare la parità a quota 18. Anche in questo caso si va allo sprint e decide un ace del subentrato Nelli (26-24) dopo che Trento aveva annullato una palla set a Perugia.

IL TABELLINO 

Perugia - Trento 0-3 (22-25, 21-25, 24-26)

SIR SAFETY CONAD: Podrascanin 3, De Cecco 1, Leon 15, Ricci 9, Atanasijevic 15, Lanza 5, Colaci (L); Seif, Galassi, Della Lunga, Hoogendoorn, Piccinelli. N.e. Berger. All. Lorenzo Bernardi.
ITAS TRENTINO:
 Vettori 9, Russell 9, Candellaro 5, Giannelli, Kovacevic 16, Lisinac 6, Grebennikov (L); Van Garderen, Nelli 1. N.e. Cavuto, Daldello, De Angelis e Codarin. 
All. Angelo Lorenzetti.
ARBITRI: Puecher di Padova e Lot di Treviso.
DURATA SET: 28’, 27’, 34; tot. 1h e 29’.
NOTE: 3.912 spettatori. Sir Safety Conad: 2 muri, 7 ace, 15 errori in battuta, 6 errori azione, 51% in attacco, 38% (21%) in ricezione. Itas Trentino: 8 muri, 3 ace, 16 errori in battuta, 5 errori azione, 51% in attacco, 39% (26%) in ricezione.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy