Salta al contenuto principale

Battuta anche l'Olanda:

3-1 grazie a Randazzo e Nelli

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
3 minuti 45 secondi

Cambiano i fattori, non cambia il risultato. L'Italvolley muta completamente pelle ma, pur con la formazione B, chiude la seconda fase dei Mondiali inanellando la settima vittoria contro l'Olanda: 3-1.
Mister Chicco Blengini ha scelto di far rifiatare tutti i suoi titolari, schierando chi, Maruotti a parte, il campo finora lo aveva visto soltanto dalla panchina. E allora spazio a Baranowicz , promosso ieri capitano, in cabina di regìa in diagonale con Nelli, Candellaro e Cester a centro rete, Maruotti e Randazzo schiacciatori. Dall'altra parte l'allenatore Vermeulen conferma invece l'ossatura della squadra vista nei giorni scorsi, piazzando titolare Van Garderen. Per i tifosi dell'Itas Trentino, dunque, ieri c'è stata l'opportunità di vedere tre nuovi giocatori della propria squadra in azione.
La partenza è tutta di marca «orange». Gli azzurri scendono in campo timorosi, sbagliano molto, mentre i «tulipani» acquistano via via fiducia e allungano. C'è poca storia e l'Olanda si impone per 25-16. Nel secondo set Blengini conferma tutti in campo e l'Italia B ricambia la fiducia. Il servizio comincia a essere ficcante, il muro inizia a funzionare, gli attacchi entrano e gli azzurri vincono la frazione per 25-20. Il capolavoro viene compiuto però nel terzo set, quando l'Italia va di nuovo sotto e sembra cedere. I ragazzi di Blengini sono però bravi a non mollare, Nelli e Randazzo sembrano le controfigure di Zaytsev e Juantorena che tifano per loro dalla panchina, gli azzurri annullano due set-ball ad Abdel-Aziz e compagni e poi ci pensa Candellaro a chiudere con un ace.
La squadra ormai è gasata e, nel quarto set, allunga ben presto, trascinata dal Forum di Assago anche ieri sera tutto esaurito. Nelli è in versione Superman e Candellaro mette il sigillo, sfruttando il secondo match-ball con un attacco vincente.
Gli ultimi verdetti di ieri sono stati il passaggio del turno di Russia e Polonia e l'eliminazione dei campioni d'Europa della Francia. La Russia ha disposto senza difficoltà della Finlandia, qualificandosi come miglior seconda, mentre la Polonia ha sconfitto 3-0 la Serbia, già qualificata. Ai transalpini non è così servito sconfiggere ieri per 3-1 l'Argentina e accumulare un punto in più in classifica della Serbia, perché la Federazione internazionale utilizza come primo criterio il numero di vittorie e i ragazzi di Grbic ne hanno collezionate 6 contro le 5 di Ngapeth e compagni.
Il sorteggio per la composizione dei due triangolari della Final Six, che si giocheranno a Torino, si terrà oggi alle 11: le prime due dei due gironi accederanno alle semifinali, le squadre terze classificate saranno eliminate.
L'unica certezza è che l'Italia in questa fase non affronterà il Brasile. Saranno queste due le formazione a essere sorteggiate per prime: saranno Italia e Brasile: una finirà nel girone I e l'altra nel girone J. Identico il sorteggio per Stati Uniti e Polonia, una nel girone I e l'altra nel girone J. Per quanto riguarda le seconde classificate, invece, la Russia (1ª miglior seconda) sarà inserita nella Pool I, mentre la Serbia (2ª miglior seconda) nella Pool J. Agli azzurri di Gianlorenzo Blengini toccherà quindi una tra Stati Uniti e Polonia, e una tra Russia e Serbia. Il sorteggio migliore sarebbe naturalmente quello che opporrebbe gli azzurri a Polonia e Serbia, con Stati Uniti e Russia si rischia di non accedere nemmeno alle semifinali. Staremo a vedere.

LUIGI RANDAZZO: “Sono felice perché abbiamo dimostrato che a questo Mondiale ci siamo anche noi. All’inizio della partita siamo andati in difficoltà, però con il passare del gioco siamo cresciuti e abbiamo superato con merito l’Olanda. Giocare davanti a questa cornice di pubblico è stato bellissimo, anche nei momenti difficili i tifosi ci hanno sempre sostenuto. Adesso arriva la fase calda del torneo, ci si gioca tutto e sappiamo che non si possono commettere passi falsi”. 
DAVIDE CANDELLARO: “Dopo un inizio difficile, con carattere siamo riusciti a venire fuori e migliorare dal punto di vista del gioco. In attacco ho un po’ faticato, però non mi sono demoralizzato e sono felice con il mio servizio di aver creato problemi agli olandesi. Da domani pensiamo a Torino, però prima c’è bisogna di qualche ora di relax per ricaricare le energie mentali.”         

Tabellino

talia - Olanda 3-1 (16-25, 25-20, 27-25, 25-15)  

ITALIA: Baranowicz 1, Candellaro 10, Maruotti 7, Nelli 19, Cester 6, Randazzo 23. Libero: Rossini. N.e: Zaytsev, Juantorena, Anzani, Mazzone, Colaci (L), Giannelli e Lanza. All. Blengini

OLANDA: Van Haarlem 1, Van Garderen 7, Parkinson 12, Nimir 7, Ter Horst 15, Koelewijn 11. Libero: Sparidans. Smit 2, Keemink, Ter Maat 3, Jorna 1, Rauwerdink 1, Dronkers (L). N.e: Diefenbach, All. Vermeulen

Arbitri: Turci (Bra) e Macias (Mes).

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?