Salta al contenuto principale

Oggi gara2 con perugia

La Diatec deve vincere

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 1 secondo

Dopo la sconfitta per 3-1 in gara1 di semifinale contro Perugia, giovedì, oggi per la Diatec è già ora di rimettere a riposo le emozioni e i commenti. Alle 18, infatti, alla BLM Group Arena (ex PalaTrento) si gioca gara2. Trento ci arriva dopo una partita che, seppur persa, ha offerto buone indicazioni sulla determinazione e la voglia di vincere che i ragazzi di mister Angelo Lorenzetti hanno messo in campo. Naturalmente nello sport tali indicazioni pur essendo necessarie, non sono sufficienti per ottenere il risultato. E così oggi Trento proverà ad alzare ancora il proprio livello, magari aiutata dai propri tifosi, con l’obiettivo di centrare la prima vittoria della stagione contro Perugia, che comunque sarà accompagnata da 200 ‘sirmaniaci’.

«In questa serie vestiamo i panni degli sfidanti - spiega Lorenzetti alla vigilia. - Per tale motivo, ancora prima di guardare a pareggiare i conti mantenendo il fattore campo, dobbiamo provare a ridurre il divario tecnico e tattico esistente con Perugia. La seconda partita rappresenta quindi un’opportunità importante per provare a dire la nostra, dobbiamo cercare di viverla al massimo delle nostre possibilità, giocando con addosso la giusta determinazione. A Perugia abbiamo mostrato l’atteggiamento giusto per affrontare questo tipo di partite, ma una sola sfida non regala verità assolute».

Infatti. Quello che va detto è che a Perugia, la Diatec ha messo davvero in campo un’anima diversa rispetto a quella vista in molte altre occasioni e questo spirito la smarca dal ruolo di vittima sacrificale. Certo, bisogna uscire dalle belle parole e raggiungere il risultato. Solo questo, infatti, può fare la differenza. E riaprire una serie che, in caso di vittoria della Sir, prenderebbe una piega ben definita.
Daniele De Pandis, il libero della Diatec, pone l’accento sull’ambiente: «Gara 2 sarà un’altra battaglia, mi immagino una partita combattuta punto su punto dove noi dovremo essere bravi a crescere ancora e a sfruttare la possibilità di giocare di fronte al nostro pubblico. Vogliamo conquistare almeno l’opportunità di giocare gara 4 e faremo di tutto per riuscirci. Gara 1 ci ha lasciato addosso buone sensazioni nonostante la sconfitta per 1-3».

Marko Podrascanin, il centrale serbo della Sir Perugia, chiede a se stesso e ai compagni di migliorare: «Siamo reduci dalla bella vittoria in gara 1, ma questa serie di semifinale è ancora lunga. Diciamo che per ora abbiamo vinto il primo set, adesso andiamo a Trento per cercare di conquistare il secondo e per portare a casa una altro successo che sarebbe ovviamente molto importante. Sicuramente rispetto a gara 1 dobbiamo e possiamo fare qualcosa in più soprattutto in attacco».
Per quanto concerne le statistiche, alla BLM Group Arena si giocherà la sesta sfida stagionale fra Diatec Trentino e Sir Safety Conad Perugia, la ventiseiesima di sempre.

Il bilancio riferito all’annata agonistica in corso parla solo in favore degli umbri (sempre vittoriosi fra Supercoppa, regular season, Coppa Italia e gara 1 di semifinale) ma quello complessivo sorride invece a Trentino Volley per 14-11. Nell’impianto di via Fersina, tra l’altro, gli ospiti hanno ottenuto appena due vittorie su dodici precedenti disputati, rompendo proprio lo scorso 4 febbraio, grazie al successo per 3-0, una serie negativa di otto sconfitte consecutive. Nei play off scudetto la sfida è andato già in scena ben nove volte, con cinque vittorie trentine e quattro umbre.

Stasera l’unico dubbio per Lorenzetti riguarda chi ricoprirà il ruolo di opposto. Luca Vettori, giovedì, ha giocato bene solo il primo set, sparendo poi dal campo. Renee Teppan, il sostituto, ha fatto meglio ma è probabile che all’inizio sarà Vettori a scendere in campo. Bernardi riproporrà la formazione vincente di giovedì, con Berger al posto di Russell in banda.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?