Salta al contenuto principale

Dominik Paris vince in Andorra

sesto successo della stagione

ma la Coppa va a Feuz

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 42 secondi

L’azzurro Dominik Paris ha vinto in 1.26.80 a Soldeu in Andorra l’ultima discesa della stagione.

Per lui è il sesto successo stagionale e il 15/o in carriera oltre al titolo iridato di superG. Al secondo posto si è classificato in 1.27.14 il norvegese Kjetil Jansrud e terzo l’austriaco Otmar Striedinger in 1.27.21.

Allo svizzero Beat Feuz è bastato il sesto posto in 1.27.44 per vincere per il secondo anno consecutivo la coppa di disciplina con 540 punti contro i 520 dell’italiano.
Christof Innerhofer, secondo azzurro in gara, ha chiuso 17/o in 1.28.29.

La gara -su una pista breve e non particolarmente ostica con un lungo tratto pianeggiante e la necessità assoluta di mantenere la linea ideale di massima velocità- si è disputata con il sole e senza forte vento, smentendo così le previsioni meteo della vigilia. Domani a Soldeu tocca al superG con Paris in piena corsa per la conquista della coppa di disciplina. L’azzurro ha infatti 330 punti contro i 286 dl suo principale rivale, l’austriaco Vincent Kriechmayr.

«Ho vinto la gara ed ho dunque fatto al meglio la mia parte: anche Feuz ha evidentemente fatto la sua ed il sesto posto gli è bastato visto che durante la stagione è stato più regolare»: Dominik Paris non ha certo perso il buonumore per non aver vinto la coppa del mondo di discesa. Ha infatti dominato - ancora umana volta alla grande, con un rush finale travolgente e con un buon vantaggio su una pista breve e non particolarmente difficile che lasciava invece presagire divari sul filo dei centesimi - l’ultima discesa stagionale alle Finali di Soldeu.

Per lui questo sui Pirenei è il sesto successo stagionale ed il 15° in carriera - 12 libere, come Ghedina - più che mai miglior velocista azzurro di tutti i tempi. E tra questi successi ci sono le doppiette di Bormio e soprattutto l’ennesima sua vittoria a Kitzbuehl, nel tempio dello sci . È una vittoria con un tale prestigio che Domme, come tutti i grandi sciatori, di certo non la baratterebbe con la coppa di disciplina. «No, non cambio Kitz di certo», le sue parole.

«Mi è mancato - racconta - qualche risultato migliore ad inizio stagione, soprattutto in Gardena dove ancora non riesco a rendere bene. Poi ho anche sistemato alcune cose con i materiali e da Bormio in là è andato tutto benissimo e soprattutto mi sono divertito un sacco a gareggiare».

Per Domme sarà così divertimento assicurato anche nella ultima sua gara stagionale domani a Soldeu, il superG. È la disciplina in cui non a caso e ‘ campione del mondo e in cui tocca a lui partire da favorito visto che è in testa con 330 punti. Ma i rivali di certo non mancano: lo tallonano infatti con 286 punti l’austriaco Vincent Kriechmayr, con 267 il norvegese Aleksander Kilde, con 266 l’altro norvegese Kjetil Jansrud, con 255 l’austriaco Matthias Mayer e con 244 lo svizzero Mauro Caviezel.

È una folta pattuglia di ben cinque atleti che matematicamente hanno ancora la possibilità di vincere la coppa di superG. Per Paris diventa così imperativo categorico vincere domani o almeno arrivare secondo visto che solo questi due risultati gli danno al certezza di tenere a bassa qualsiasi rimonta dei rivali . «Ma anche domani, come oggi, io farò la mia parte», ha assicurato l’altoatesino: e della sua parola ci si può fidare.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy