Salta al contenuto principale

Pattinaggio artistico, a Trento

big al comando dopo il «corto»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 9 secondi

Big in pista, applausi, cori e sorrisi sugli spalti. Un'altra grande festa di sport a Trento per la terza giornata dei Campionati Italiani di pattinaggio di figura. Sul ghiaccio in programma le ultime prove degli Junior e la prima metà di gara dei Senior con esibizioni che non hanno davvero deluso le aspettative. Incantevoli, nella danza Charlène Guignard e Marco Fabbri (Fiamme Azzurre) hanno presto ipotecato la vittoria con un bellissimo corto da 82.48 punti (44.94 di valutazione tecnica e 37.54 per le components): terzi non più di una settimana fa a Vancouver nelle Finali di Grand Prix per quello che è stato il loro miglior risultato in carriera, gli allievi di Barbara Fusar Poli cercano qui a Trento il loro primo titolo tricolore sin qui sempre sfuggito. Dietro di loro Tessari-Fioretti(Icelab), bravi a firmare un corto da 66.52 punti che vale il 2° posto, quindi Moscheni-Fabbri (Icelab), terzi a quota 60.52.

Importante, come prevedibile, anche la prova di Della Monica-Guarise (Fiamme Oro), primi tra le coppie di artistico con 72.91 punti (38.43 di valutazione tecnica e 34.48 per le components) davanti a Ghilardi-Ambrosini(Icelab), l'altro tandem in gara fermatosi a 57.41 punti. Entusiasmante poi il duello tanto atteso nella gara maschile. Matteo Rizzo (Fiamme Azzzurre), sempre convincente in questa prima parte di stagione, si è confermato anche al Palaghiaccio di Trento: l'allievo di Franca Bianconi realizza un gran corto da 87.20 punti(46.20 di valutazione tecnica e 41.00 per le components) con cui distacca l'altro protagonista, Daniel Grassl (Young Goose Academy), secondo con 81.64 punti (46.39 di valutazione tecnica e 35.25 per le components). Ben più distaccato, con 69.03 punti, Mattia Dalla Torre (Aosta Skating Club 2000), terzo e inseguitore della coppia di testa.

 

Serratissima invece la competizione femminile con le prime tre atlete racchiuse in poco più di tre punti. Tutte e tre, tra l'altro, all'esordio nella categoria Senior degli Italiani. Al comando della classifica provvisoria la campionessa uscente tra gli Junior, Lucrezia Beccari (Icelab), prima con 58.57 punti (31.25 di valutazione tecnica e 27.32 per le components), inseguita a brevissima distanza da Alessia Tornaghi (Agorà Skating Team), seconda a quota57.05 (30.49 di valutazione tecnica e 26.56 per le components), e Lara Naki Gutmann (CPA Trento), terza con55.37 punti (28.77 di valutazione tecnica e 26.60 per le components). Pronostico rispettato infine nel sincronizzato, dove le Hot Shivers (Precision Skating Milano) guidano al termine del corto con 53.46 punti. Bene anche le Ice On Fire (CPA Trento), l'altra squadra in gara, con 40.93 punti.

A coronamento di un'altra bella giornata di pattinaggio, da segnalare anche gli splendidi secondi segmenti di gara della danza e del sincronizzato Junior. Il testa a testa nella danza premia ancora una volta Righi-Dubrovin (Icelab), bravi a confermare la leadership della rhythm dance primeggiando anche nel libero con 84.76 punti e chiudendo in testa a quota 141.25. Alle loro spalle, a meno di due punti e mezzo di distanza, si piazzano invece Campanini-Riva (Agorà Skating Team), fermatisi a 138.84. Nessuna novità nemmeno sul gradino più basso del podio con Portesi Peroni-Chrastecky (Icelab) terzi a 130.47 punti. Il dominio delle Hot Shivers Junior prosegue incontrastato nel sincronizzato con le lombarde campionesse a 129.99 punti; dietro di loro le Shining Blades Junior (Icelab) operano il sorpasso rispetto al corto e si piazzano al secondo posto con 93.76 punti mentre leFlying Angels Junior (Asd Tiburghiaccio) finiscono terze a quota 88.49.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?