Salta al contenuto principale

Sci alpino, Innerhofer: 

«Voglio vincere ancora»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
! minuto 43 secondi

«Ho 33 anni, indosso la tuta da gara e sono ancora in giro non perché so che posso fare un podio come negli ultimi tre anni, ma perché sono convinto che posso vincere molto di più e spero che ci riuscirò». È quanto afferma il discesista altoatesino Christof Innerhofer all’alba di una stagione che lo vedrà protagonista a partire da questo weekend in Canada, con la discesa e il supergigante di Lake Louise. «Mi sento competitivo quest’anno, so quello che ho sbagliato l’anno scorso e so come fare meglio - spiega Innerhofer -. Sono in giro da tanti anni, ho abbastanza esperienza. L’errore alle Olimpiadi, ad esempio, purtroppo mi è servito per arrivare sul podio ad Aare o per arrivare quinto ed essere primo fino al penultimo intermedio a Kvitfjell. Quindi è importante imparare dagli errori. L’anno scorso mi sono fatto influenzare da cose che sono successe intorno a me, cose che mi hanno dato fastidio, e a volte poco prima della partenza ho perso la concentrazione. Un po’ di sfortuna e un po’ di errori miei ed è andata così».

A 33 anni Innerhofer ha avuto anche la capacità di cambiare: «Sono sempre andato almeno una volta sul podio, ma non sono soddisfatto perché so che non ho fatto quello che posso. Ho fatto bene a cambiare completamente la preparazione atletica, perchè adesso fisicamente sto bene e non ho più dolori. Il mio lavoro è diverso rispetto a cinque anni fa, allora il mio quadricipite era anche un pelino più grosso. Se uno vuole fare l’atleta per tanti anni, fisicamente bisogna cambiare». Non solo fisicamente: «Tecnicamente sono migliorato tanto, sto facendo tantissimo allenamento in gigante ed è una cosa che serve sempre. Il mio obiettivo è di sciare veloce, divertirmi e confermare in gara i risultati che ho fatto l’anno scorso nelle prove. Le mie preferite sono Wengen, Kitzbühel e Bormio».

Lo senti parlare e capisci che è pieno di entusiasmo: «Mi piace la sensazione quando metto i bastoni fuori dal cancelletto, l’adrenalina che sento e la voglia di essere più veloce. Io non mollo».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?