Salta al contenuto principale

Ferrari, Marchionne da Rovereto:

«A Sepang tra sogni e rimpianti»

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 54 secondi

Cinque Gran Premi prima della fine della stagione 2017 per poter sognare ancora il ritorno del Mondiale piloti a Maranello dopo 10 anni di assenza con la consapevolezza d’aver perso due grandi occasioni, a Singapore e Sepang.
La Ferrari vola via dalla Malesia con la sensazione che nulla è perduto grazie alla super rimonta di Sebastian Vettel riuscito a ridurre i danni nel Gp malese nonostante partisse dall’ultima posizione sulla griglia di partenza.
Ora il distacco in classifica tra il pilota tedesco e il leader del campionato Lewis Hamilton è di 34 punti: inglese della Mercedes che sperava di mettere in cassaforte il suo quarto titolo, ma che dovrà continuare a lottare fin dalla prossima gara a Suzuka su un circuito «a tutto motore» in teoria più favorevole alle Mercedes.

A enfatizzare le occasioni perse dalla Ferrari ci ha pensato oggi, dopo aver ricevuto a Rovereto la laura honoris causa in ingegneria industriale dall’Università di Trento, il presidente della Ferrari Sergio Marchionne secondo cui la Rossa a Sepang era più forte di tutti: «Parliamo di cose sicure. Che ieri le due Ferrari potessero battere tutti è un fatto indiscusso - tuona il numero uno della scuderia di Maranello - e che potesse accadere anche a Singapore è un fatto indiscusso. Il fatto che abbiamo avuto problemi con i propulsori - ha aggiunto il numero uno del Cavallino Rampante - ha a che fare con due cose: abbiamo una squadra molto giovane e la qualità della componentistica non è al livello necessario per un’auto da gara. Stiamo intervenendo».

Primi problemi di affidabilità che la Rossa dovrà affrontare subito ed a fondo, in particolare dopo l’ennesimo episodio sfortunato per la Rossa a Sepang, lo scontra dopo il traguardo tra la vettura di Vettel e la Williams di Lance Stroll che potrebbe aver danneggiato il cambio e la power-unit della SF70H del pilota tedesco: «È quasi una “fortuna” - ha proseguito il presidente della Ferrari - che non ci sia successo nulla fino adesso. Ora ci stiamo riguardando tutta la filiera e facendo dei cambiamenti organizzativi. Avere questi problemi qua in gara - ammette Marchionne - ti rompe. Se ti succede a casa di spaccare un motore, vabbè, ma fare una figura così, avere una macchina in seconda posizione e non vederla in griglia, è veramente da tirarsi i capelli».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy