Salta al contenuto principale

Giro, il Manghen si farà 

Lavori dopo i danni 

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 4 secondi

La tappa del Giro d'Italia che all'inizio di giugno passerà dal Manghen, si farà regolarmente. L'assessore provinciale allo Sport Roberto Failoni è tornato a ribadirlo anche nelle ultime ore. «Sulla provinciale del Manghen - ha dichiarato - i danni provocati dal maltempo a fine ottobre sono stati enormi. Oltre all'enorme quantità di piante cadute, la viabilità si è interrotta. Stiamo lavorando e ce la faremo, non ho dubbi. Quella a cui assisteremo sarà uno dei momenti più spettacolari della Corsa Rosa». E ha aggiunto: «Per il Trentino sarà eccezionale riuscire ad organizzare questa gara, nonostante le pessime, pessime premesse. Sono in continuo contatto con chi sta portando avanti le operazioni di sistemazione della zona e ogni giorno vengo rassicurato: non ci saranno intoppi in grado di impedirci di conseguire i nostri obiettivi. Approfitto dell'occasione per esprimere la mia gratitudine a quanti ci stanno permettendo di vincere questa sfida». Il giro prenderà il via a Bologna sabato 11 maggio. Il tappone dolomitico è in programma il primo giugno: si partirà da Feltre, si passerà a Cima Campo, in Tesino e in Bassa Valsugana vedrà i corridori affrontare il Manghen prima del Rolle, con calata sul Primiero prima dell'arrivo a Croce d'Aune. Una vetrina importantissima per almeno tre valli trentine, che grazie all'impegno della Provincia non è mai stata in discussione.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy