Salta al contenuto principale

Andrea Toniatti premiato

come miglior corridore Elite

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
! minuto 39 secondi

Si concede un altro anno interlocutorio tra i dilettanti, il ciclista moriano Andrea Toniatti. E ne ha ben diritto, visto che ieri è stato premiato a Milano come miglior corridore Elite del 2017 nella Notte degli Oscar della rivista specializzata TuttoBici.

Toniatti, infatti, quest’anno ha vinto ben nove volte e tra i suoi successi spiccano la Piccola Sanremo e il Trofeo Alcide De Gasperi che hanno fatto del moriano uno degli atleti più decorati in Italia nella stagione 2017 nella categoria Elite e Under 23.

Il venticinquenne del Team Colpack ha dimostrato una costanza di rendimento incredibile se pensiamo che ha iniziato a vincere nel mese di febbraio con il Gp Laguna di Porec, in Croazia, e ha concluso l’anno ad ottobre dominando la Coppa del Mobilio di Ponsacco.

Oltre a questa splendida stagione, Toniatti ha anche effettuato uno stage con i professionisti della Bahrain Merida (squadra world tour, capitanata da Nibali), anche se alla fine con loro non ha trovato l’accordo per i prossimi anni. «La mia idea era quella di passare professionista - racconta Toniatti, comprensibilmente soddisfatto al ritorno dalla serata lombarda - e lo stage con la Bahrain era anche andato bene. Purtroppo in questo momento loro si sono riservati di riparlare di un eventuale contratto il prossimo anno e così per un’altra stagione correrò con la Colpack».
In realtà Toniatti ha in corso qualche altra trattativa con i professionisti, ma non si danna l’anima: «Sono in contatto con due squadre professional e vedremo come andranno le cose: se entro la fine dell’anno troverò l’accordo con una delle due, passerò tra i pro, altrimenti mi dedicherò per un’altra stagione alla categoria Elite, cercando di dare ancora una volta il massimo per poi fare il salto nel grande ciclismo. Con la Colpack mi trovo bene e nei giorni scorsi sono stato a Bergamo per fare tutte le presentazioni del team 2018: per intanto io sono un corridore della Colpack di patron Beppe Colleoni».
M. Bar.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?