Salta al contenuto principale

Inter e Milan: nuovo San Siro

e abbattiamo quello vecchio

Ma le Olimpiadi bloccano tutto

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 23 secondi

Inter e Milan tirano dritti: assieme vogliono costruire un nuovo stadio più moderno e funzionale accanto a San Siro, in quell’area «iconica» che «tutto il mondo conosce». Ma il sindaco di Milano, Beppe Sala, inserisce subito il freno a mano: San Siro sarà la sede della cerimonia di apertura delle Olimpiadi Invernali del 2026 e, quindi, almeno fino a quella data, non si tocca.

Il braccio di ferro che dura da mesi tra i due club e l’amministrazione si trasforma però in un duro scontro frontale quando, nelle frenetiche ore di Losanna, viene adombrata l’ipotesi di demolire lo storico stadio, totem del calcio internazionale e teatro di quattro finali di Champions League.
Il presidente rossonero, Paolo Scaroni - affiancato dall’ad nerazzurro, Alessandro Antonello - infatti non chiude la porta in mattinata a questa possibilità, prima di correggere prontamente il tiro nel pomeriggio: «Il tema non è di nostra pertinenza dal momento che la struttura appartiene al Comune di Milano».

Sala infatti non ha certo gradito questa invasione di campo: «Siamo noi i padroni dello stadio, anche se Inter e Milan decidono di farne uno loro». Anche Pierfrancesco Majorino, assessore alle Politiche Sociali, aveva tuonato contro i club: «È davvero sconcertante il loro modo di fare, ignorando totalmente il fatto che vi è una città con cui fare i conti. Mi pare sinceramente incredibile vedere come ci siano interessi privati che non intendano nemmeno per un attimo confrontarsi con le necessità di tutti. La città non è uno zerbino di alcuni grandi gruppi».

Le parti, quindi, dovranno ricucire lo strappo e riaggiornarsi: entro qualche settimana, prima delle ferie, sul tavolo di Sala arriverà il dossier congiunto che verrà attentamente analizzato dai tecnici. «Abbiamo garantito - evidenzia Sala - che nel 2026 San Siro sarà ancora funzionante.

Questa è la fine della storia. Dopo il 2026, nel caso avremo un nuovo stadio, decideremo il futuro di San Siro». Ma i due club spingono uniti sulla costruzione di un nuovo impianto. «Stiamo lavorando da mesi - ricorda Antonello - su questo progetto insieme al Milan, a breve presenteremo la nostra idea al comune.

L’idea è quella di avere un nuovo San Siro a San Siro, questo è quello che richiedono le grandi squadre. Entrambe sono blasonate, non possiamo non avere una venue che sia all’altezza di tutti gli altri principali club europei. Se si può realizzare continuando a giocare nel vecchio stadio? Assolutamente, noi dobbiamo continuare a giocare nel vecchio per poi avere un nuovo stadio, pronto magari anche per le Olimpiadi 2026».
Una speranza condivisa anche da Scaroni: «Mi piacerebbe vedere le Olimpiadi nel nuovo impianto. L’area è iconica, San Siro è San Siro, il mondo conosce San Siro e non vogliamo andare da nessun’altra parte. Ci sono tante ragioni per cui dobbiamo fare il nuovo stadio, quella che considero dirimente è che non possiamo giocare in due in uno stadio in ristrutturazione. Sarebbe una impresa impossibile».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy