Salta al contenuto principale

Oltre la Champions League:

progetto Eurolega, la serie A

è pronta a scioperare

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 7 secondi

Sì alle riforme, no alla rivoluzione. Ma se il progetto dell’Eurolega non verrà modificato sostanzialmente, il calcio europeo «è pronto a scioperare». A ventilare il rischio, come ratio estrema di una trattativa che gli oppositori auspicano, è Luigi De Siervo, a.d. della Lega di Serie A, intervenuto a “Radio anch’io sport” per fare il punto sul disegno di riforma radicale delle Coppe europee che sta allarmando mezza Europa, viste le potenziali e rischiose ricadute che ne deriverebbero per i singoli tornei nazionali.

«Nessuno è contrario ai cambiamenti - ha detto De Siervo - ma la riforma pensata non consente di vedere un futuro sereno dei grandi campionati europei, i cui ricavi sarebbero dimezzati e farebbe diventare irrilevanti i nostri campionati, che non farebbero accedere alle coppe europee e diventerebbero poco più importanti di una coppa nazionale. Spero che la riforma possa essere emendata, altrimenti si arriverebbe a uno scontro che farebbe male a tutto il calcio». Il braccio di ferro tra Eca e leghe rischia di trasformarsi in «una battaglia per i soldi, per l’accesso ai grandi ricavi televisivi - ha aggiunto De Siervo - Oggi la Champions ha un fatturato attorno ai tre miliardi, le tre leghe più importanti ne fatturano sei, non è pensabile che la torta cresca».

Di fatto, la nuova formula delle coppe sancirebbe «la nascita della Serie A, della Serie B e della Serie C europea: si abbandona il criterio centrale dei campionati nazionali per individuare queste tre serie che servono non soltanto ai club supericchi, ma anche a coinvolgere le federazioni più piccole, che sono quelle che votano in Uefa.
Sarebbe in danno per il fascino del nostro calcio, della sua imprevedibilità. Qui serve un Machiavelli - ha concluso il manager - per trovare un equilibrio complicato: confido nella ragionevolezza di Ceferin e Agnelli, ma se non fosse dovremo fare fronte comune tra i cinque grandi campionati europei, fino allo sciopero, senza tabù».

L’Uefa cercherà ora di mediare le posizioni che al momento sembrano inconciliabili e una primo banco di prova arriverà già venerdì 17 a Budapest con la riunione dell’European League, alla vigilia della finale di Champions femminile tra Lione e Barcellona, dove Ceferin incontrerà i presidenti e i segretari generali delle singole Federazioni. Un’occasione informale che però servirà a ‘pesarè il dissenso contro il piano Eca circolato negli ultimi giorni e che prevedrebbe tre Coppe, tra cui la Superchampions a 32 squadre. Di quest’ultime, 24 avrebbero la certezza di rigiocare la competizione l’anno successivo a discapito del piazzamento in campionato, come avviene ora.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy