Salta al contenuto principale

Brasile, la maglia numero 10

della nazionale verdeoro

a Paquetà: «Sono orgoglioso»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 46 secondi

La hanno indossata fuoriclasse come Pelè, Zico, Ronaldinho e ora, in assenza di Neymar, per le prossime due amichevoli la maglia numero 10 del Brasile tocca a Lucas Paquetà, pronto a «metterla in cornice, da mostrare alla famiglia e ammirare a casa». «Spero di essere all’altezza delle aspettative», dice dal ritiro della Selecao il ventunenne, che è stato acquistato dal Milan a gennaio e subito è diventato un titolare inamovibile.
«Sono felice del momento che sto vivendo, ma devo migliorare alcune cose. Gattuso è eccellente come professionista e persona, ti motiva costantemente e spinge a fare sempre più. Le soluzioni tattiche della Selecao e del Milan sono simili - ha osservato -.
Nel Milan gioco come esterno sinistro, posizione che mi piace. In nazionale ci sono grandi calciatori e Dite mi dà libertà di giocare, ma la mezzala sinistra è il ruolo che preferisco».

Lucas Paquetà avrà l’onore di indossare la mitica maglia numero 10 del Brasile nell’amichevole di domani (alle 18) nello stadio Do Dragao di Porto, contro Panama. È un momento d’oro per il fantasista del Milan che, dopo il buon impatto con la Serie A, vuole ritagliarsi un posto fisso anche nella Selecao.
«Neymar, Ronaldinho, Pelè, Zico: sono solo alcuni grandi che hanno indossato questa maglia, adesso questa grande opportunità tocca a me. Spero di essere all’altezza del peso della maglia che indosserò - ha detto Paquetà, in conferenza stampa -. Il numero di maglia è sempre relativo, è un privilegio giocare con qualsiasi numero, a me preme dare il massimo e far bene sempre».
Parlando della propria esperienza nel Milan, Paquetà elogia il club, ma non solo. «Devo ringraziare il club, perchè mi ha permesso di prepararmi al meglio: sono contento di come lavoro.

In Italia il ritmo è assai diverso da quello brasiliano e c’è più tatticismo». Elogi anche a Gattuso, che Paquetà definisce «un grande professionista e un’eccellente persona», un allenatore che «ti spinge sempre a dare il massimo».

«Nel Milan - conclude - gioco in mezzo al campo, mentre nel Brasile il ct Tite mi dà la possibilità di essere più vicino all’area avversaria, in modo da potermi muovere più liberamente».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy