Salta al contenuto principale

Bernardeschi studia da leader

in Nazionale linea giovane

e nella Juve per vincere

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 27 secondi

Tuttocampista, leader, simbolo. Federico Bernardeschi continua ad alzare l’asticella e punta a prendersi tutto: dopo aver conquistato sempre maggiore spazio nella Juventus con cui è stato fra i grandi protagonisti della rimonta in Champions con l’Atletico Madrid, ora l’ex viola mira a fare altrettanto in Nazionale. D’altronde a 25 anni compiuti è davvero nel pieno della maturità. Basta sentirlo parlare a Coverciano: sereno, soddisfatto, cresciuto in campo e fuori.

L’Italia ha trovato un nuovo leader? «Spero di diventarlo - ha risposto Bernardeschi - È il mio sogno anche se qui ce ne sono tanti di potenziali e non mancano grandi personalità su cui contare, Chiellini, Bonucci, Sirigu. Spero di esserci anch’io.
Questa è una Nazionale giovane ma piena di talento E come la Juve deve avere consapevolezza della propria forza».

Allenarsi accanto a Ronaldo («Lo vedo sereno, sarebbe folle una squalifica per l’esultanza con l’Atletico») e giocare in un club prestigioso come quello bianconero aiutano a migliorare: «In partite come quella di una settimana fa in Champions devi dare tutto, abbiamo scritto un pezzo di storia. Ovvio mi abbia fatto piacere la fiducia di Allegri, non è scontata in serate così». E comunque è frutto di grande impegno da parte di Bernardeschi: «Ho lavorato molto sulla testa e ora sono più consapevole come persona prima che come calciatore. Mentalità e abnegazione al lavoro sono fondamentali. Sono contento ma voglio sempre di più da me stesso, togliendomi ancora tante soddisfazioni. Questo momento è un punto di partenza». Intanto da esterno d’attacco si apre anche a più ruoli: «Mi piacerebbe molto poter giocare “tuttocampista” sia nella Juve che in Nazionale. Ma sono pronto anche a giostrare da mezzala: se vuoi stare a certi livelli devi metterti sempre a disposizione».

Con l’obiettivo di contribuire a raggiungere gli obiettivi prefissati fra cui la qualificazione a Euro 2020. Il viaggio comincerà sabato a Udine con la Finlandia e subito dopo (martedì a Parma) con il Liechtenstein: «Sono gare da vincere e lo sappiamo, la pressione fa parte del gioco e dell’importanza della maglia azzurra. Stiamo lavorando per fare più gol concretizzando quanto creiamo però nelle ultime quattro partite abbiamo fatto molti passi avanti mostrando grandissimo gioco, divertendoci e facendo divertire. Ci manca, è vero, ancora un pò di esperienza ma questa è la strada giusta per andare ad affrontare un Europeo nel migliore dei modi».

Durante la foto ufficiale Bernardeschi ha raccontato che hanno riso e scherzato molto. «Siamo davvero un bel gruppo, giovani e forti, noi ci crediamo». Di questo gruppo fa parte anche l’ex compagno di squadra Federico Chiesa che a Firenze ha raccolto la sua eredità e si appresta in estate ad essere uno dei più ambiti uomini mercato: «Consigli? Gliene ho dato uno: decida sempre con la sua testa scegliendo quello che più vuole, nessuno può permettersi di entrare nel suo privato e dirgli cosa è più giusto per lui. Io in passato ho sempre fatto così, nessuno ha deciso per me».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy