Salta al contenuto principale

Gattuso carica il Milan

e Higuain: «È già un leader»

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 10 secondi

Dopo due settimane a ranghi ridotti per le nazionali, Rino Gattuso ha davanti a sè 7 partite in 21 giorni per capire di che pasta è fatto il suo Milan. Sperando che Gonzalo Higuain si sblocchi il prima possibile e attendendo che Mattia Caldara prenda le misure con la difesa a quattro. L'allenatore rossonero, però, è preoccupato soprattutto di iniziare il tour de force con il piede giusto a Cagliari.   

La voglia di gol di Higuain "si tocca con mano - ha assicurato Gattuso -. Nell'amichevole con la Pro Piacenza ha avuti 4-5 occasioni e sembrava l'uomo più arrabbiato al mondo. Sta dando tanto, si fa voler bene, è coerente in ciò che dice e fa: un segnale importante per il gruppo". In una squadra giovane come questo Milan, il trentunenne argentino in poche settimane si è guadagnato il ruolo di leader. "Lo è come Romagnoli, che è cresciuto, e come Reina, che si trascina tutti dalla sua parte. I leader - ha notato Gattuso - devono essere coerenti, impeccabili e loro hanno queste caratteristiche, come le aveva Bonucci".   

La cessione di Bonucci ha portato a Milanello anche il talento di Caldara, che in attesa del debutto con la sua nuova squadra è già stato lanciato in Nazionale da Roberto Mancini. Cresciuto negli ultimi anni nella difesa a tre dell'Atalanta, il ragazzo deve ancora prendere le misure con il modulo a quattro e probabilmente a Cagliari toccherà ancora a Mateo Musacchio giocare al fianco di Alessio Romagnoli. "I media stanno facendo solo del male a Caldara - è convinto l'allenatore -, non si può distruggere così un giocatore: prima della Nazionale sembrava Beckenbauer, poi il più scarso al mondo. È molto intelligente e viene da una cultura totalmente diversa: non è giusto buttarlo nel frullatore, da parte nostra ha grande fiducia. Caldara non è un problema, ci può dare una grande mano. Il ct è stato imprudente? Non ho detto questo. Già fatico a giudicarmi da solo, figurarsi con gli altri. Voglio giocare in un certo modo e i meccanismi devono essere perfetti".   

È successo solo a tratti nella sconfitta di Napoli e nella vittoria in extremis con la Roma. Ora l'obiettivo di Gattuso è trovare continuità, evitare gli sbandamenti, "saper soffrire quando è necessario". E in vista della trasferta sarda, a Milanello si temono in particolare Barella ("Con la vecchia proprietà se ne era parlato", ha rivelato l'allenatore) e Pavoletti ("Di testa è uno dei più forti in Serie A"). Poi giovedì c'è il debutto in Europa League e contro il Dudelange Gattuso spera di recuperare Patrick Cutrone. "Coperta corta in attacco? No - ha replicato l'allenatore - perchè posso giocare anche con il finto 9". 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy