Salta al contenuto principale

Icardi, festa per i 103 gol

e aumento di stipendio

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 28 secondi

Molto genio, un po’ di sregolatezza, qualche distrazione ma - quando c’è - con il cuore, la testa e le gambe - è una presenza decisiva e letale: il bomber nerazzurro Mauro Icardi, chiacchierato, a volte contestato, in alcuni casi persino incompreso, lascia parlare i numeri dopo il poker di gol con il quale ha affossato la Sampdoria e restituito il sorriso a un perennemente accigliato Luciano Spalletti.
Icardi entra nella storia a soli 25 anni: taglia il traguardo dei 103 gol in Serie A, 93 con la maglia dell’Inter, 10 con quella della Sampdoria. È il sesto giocatore più giovane a raggiungere quota 100 gol dopo Meazza, Piola, Boniperti, Borel e Altafini. Numeri che lo portano a confessare che forse i 110 milioni di clausola nel suo contratto «sono pochi. Dopo quello che è successo nell’ultimo mercato forse è vero - dice in una intervista - però questa della clausola è una cosa che abbiamo discusso con la società e si è deciso di fare così. Ma in società sanno tutti quello che penso io, quello che voglio io. E siamo tutti molto tranquilli», spiega il centravanti.

E i record non sono finiti per l’attaccante che - in nerazzurro - mette a segno 100 reti in 172 partite in tutte le competizioni. Un rapace dell’area di rigore che fa la differenza e porta la sua squadra fuori dalle sabbie mobili di una crisi che durava da troppo tempo, nonostante la vittoria contro il Benevento e il pari casalingo contro il Napoli.

L’Inter, dopo un periodo decisamente buio e qualche polemica di troppo, è in zona Champions con 55 punti e si prepara alla sosta con una certezza - un presente con Icardi - ma un futuro ancora fumoso. Voci di sottofondo parlano di un possibile addio a fine stagione, di un divorzio quasi inevitabile e di importanti club pronti a versare qualsiasi cifra pur di assicurarsi il bomber. Il rinnovo del contratto tra Icardi e l’Inter è la strettoia attraverso la quale passare per evitare il colpo di teatro finale e l’uscita di Icardi dalla scena milanese. La chiave di volta è proprio nel ritocco della clausola rescissoria che potrebbe subire un’impennata fino a 200 milioni. Non solo: con il rinnovo, Icardi potrebbe spuntare un ingaggio di oltre 7 milioni netti rispetto agli attuali 5,5 milioni (bonus inclusi).

Piero Ausilio, dopo Pasqua, affronterà il caso e se la vedrà con l’entourage del giocatore, a cominciare da Wanda Nara, presenza a volte ingombrante e non secondaria. La bionda moglie del giocatore è protagonista non soltanto sui social. In queste ore posta foto da Parigi: la famiglia è a Disneyland per festeggiare la festa del papà. La guerra del gossip è finita, seppure a colpi di carta da bollo come da copione. Adesso per Icardi è il momento di festeggiare e di lasciarsi tutto alle spalle, infortuni, polemiche, delusioni e dispiaceri come quello della mancata convocazione nella nazionale argentina. E, tuttavia, se si chiude una porta, si potrebbe spalancare un portone, quello della Champions: un sogno possibile ma, naturalmente, non a costo zero.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy